Richiesta alla Provincia

La Lega ha raccolto cento firme per chiedere barriere fonoassorbenti alla Grumellina

I consiglieri del Carroccio Ribolla e Ongaro hanno lanciato una petizione per sollecitare l'installazione delle barriere lungo la circonvallazione Leuceriano

La Lega ha raccolto cento firme per chiedere barriere fonoassorbenti alla Grumellina
Bergamo, 28 Settembre 2020 ore 16:45

Sono già un centinaio gli abitanti della Grumellina che hanno aderito alla raccolta firme promossa dalla Lega per sollecitare la Provincia a installare barriere fonoassorbenti lungo la circonvallazione Leuceriano, all’altezza dell’uscita su via Moroni. Nello specifico, a patire la situazione di disagio sarebbero i residenti delle abitazioni di via Grumello che, da anni, lamentano il forte fastidio provocato dai veicoli in transito.

Della problematica se ne sono occupati il consigliere comunale Alberto Ribolla e il consigliere provinciale Alberto Ongaro che, insieme all’ex consigliere e attivista pentastellato Fabio Gregorelli (ora legato al Carroccio), hanno effettuato un sopralluogo sul posto. «Approfondendo la questione con Comune e Provincia – si legge in un comunicato – è emerso che l’installazione delle barriere fonoassorbenti è prevista da un accordo del lontano 1996 con Anas, allora proprietaria della strada».

In particolare, secondo alcune verifiche effettuate dai consiglieri leghisti, la competenza dell’installazione delle barriere non è in capo a Palazzo Frizzoni e nemmeno di Anas, bensì alla Provincia di Bergamo. «Chiediamo con sollecitudine che la Provincia ponga fine a questo più che ventennale disagio – sottolineano Ribolla e Ongaro – e che metta in programmazione, nell’ambito degli strumenti di bilancio, l’intervento per l’installazione delle barriere fonoassorbenti nel tratto di strada in questione in modo tale da migliorare la qualità della vita dei residenti di Via Grumello, adiacenti alla circonvallazione».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia