Nel numero in edicola di BergamoPost

La nuova Bergamo è nata a Orio

La nuova Bergamo è nata a Orio
20 Ottobre 2016 ore 07:30

Tutta l’inchiesta la trovate alle pagine 6 e 7 del numero in edicola di BergamoPost.

 

L’aeroporto ha cambiato la nostra vita. Lo ha fatto giorno dopo giorno in modo non clamoroso, ma inarrestabile. Ha portato a Bergamo milioni di cittadini europei. Ci ha dato la possibilità di raggiungere mezzo mondo spesso con pochi soldi e in tempi brevi.

Ma non soltanto. Sta modificando la nostra città: cultura, socialità, economia. Un impatto che sembrava incredibile anche solo quindici anni fa. Undici milioni di viaggiatori che saranno passati da Orio al Serio nel 2016, dieci milioni lo scorso anno. Ma a questi dobbiamo aggiungere i nove milioni (quasi) del 2014, del 2013 e del 2012, gli otto milioni del 2011 e 2010… In sei anni 64 milioni di persone sono transitate dal nostro aeroporto: tutta Italia.

[…]

Oggi l’aeroporto sostiene la città e in un certo senso ne guida lo sviluppo. Certamente economico: a Orio al Serio lavorano quattromila e cinquecento addetti, ma altri quattromila e settecento posti di lavoro riguardano servizi indiretti, per esempio i fornitori di bar, ristoranti, librerie, negozi… fra tutto il nostro aeroporto garantisce un posto di lavoro a novemila e duecento persone. Una locomotiva economica.

[…]

L’aeroporto sta cambiando la città e non ne siamo pienamente consapevoli. Non ci rendiamo conto che se Bergamo negli ultimi anni ha promosso tante iniziative di rilievo nazionale e non soltanto lo si deve anche a questa atmosfera nuova, a questo sentir parlare inglese, tedesco o giapponese in Città Alta, questo incontrare persone straniere alle opere allestite al Donizetti piuttosto che a BergamoScienza.

 

Tutta l’inchiesta la trovate alle pagine 6 e 7 del numero in edicola di BergamoPost.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia