Il verdetto

La torre del parco avventura di Torre Boldone va spostata: lo dice la sentenza del Tar

La struttura «risulta parzialmente all’interno della fascia di rispetto cimiteriale, e tale sforamento è dipeso dalla non veritiera indicazione negli elaborati progettuali depositati».

La torre del parco avventura di Torre Boldone va spostata: lo dice la sentenza del Tar
Val Seriana, 15 Maggio 2020 ore 10:20

di Angelo Corna

Brutte notizie per il Parco Avventura di Torre Boldone: il Tar ha respinto il ricorso presentato dalla società, che chiedeva al tribunale amministrativo l’annullamento dell’ordinanza di spostamento della Top Tower.

Un problema sollevato nel novembre del 2018 da Alberto Ronzoni e Guido Spreafico, rispettivamente consigliere e capogruppo della precedente lista civica di minoranza. Il caso era esploso dopo la segnalazione di alcuni cittadini, che avevano evidenziato uno “sforamento” di 2,20 metri della torre andrenalinica per il bungee jumping, troppo vicina al cimitero. La struttura, alta più di 20 metri, si trova nel parco di via Reich, area di proprietà dell’istituto Isb. Una zona di 14 mila metri quadrati attrezzati con percorsi sospesi tra gli alberi, passerelle e ponti tibetani.

La vicenda, che ormai prosegue da oltre un’anno, sembra non ammettere più dubbi. La Top Tower del Parco Avventura di Torre Boldone va demolita e smantellata, o comunque spostata dalla sua attuale sede. Proprio in questi giorni il Tar ha respinto la richiesta di sospensiva di Parco Avventura. È stato infatti riconosciuto che la torre adrenalinica «risulta parzialmente all’interno della fascia di rispetto cimiteriale, e che tale sforamento è dipeso dalla non veritiera indicazione negli elaborati progettuali depositati».

«Tempo fa abbiamo fatto notare un illecito edilizio, del quale il Comune non si era accorto – commenta l’ex consigliere di minoranza Alberto Ronzoni -. Con questa sentenza è solo stata ristabilita la legittimità, nel pieno rispetto delle regole».

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia