Dal Giornale di Treviglio

I ladri vandalizzano l’agriturismo e alla fine si mangiano il tiramisù

I ladri vandalizzano l’agriturismo e alla fine si mangiano il tiramisù
17 Gennaio 2018 ore 10:24

Continua l’onda dei furti e delle rapine a Fara Gera d’Ada che aveva destato preoccupazione alla fine dello scorso anno. Questa volta i ladri hanno vandalizzato un agriturismo e si sono anche concessi una pausa rilassante, mangiandosi il tiramisù conservato in frigorifero.

Agriturismo vandalizzato. «Hanno messo a soqquadro ogni cosa e poi hanno mangiato anche il tiramisù che c’era in cella».  A raccontarlo è il capogruppo di minoranza Angelo Moleri, dopo aver appreso dal Giornale di Treviglio dei furti e delle rapine di fine anno. «È successo la stessa notte in cui i malviventi sono entrati a scuola – ha spiegato -. Sono passati anche nel maneggio dietro il mio agriturismo dove hanno portato via un vecchio televisore. Poi sono passati da me: hanno gettato all’aria qualsiasi cosa, poi hanno trovato del tiramisù e si sono fermati a mangiarlo. La mattina dopo ho ritrovato quattro cucchiai».

Distrutti anche i camper. Ma i malviventi non si sono limitati all’agriturismo e al maneggio. Hanno proseguito la loro serata accanendosi sui camper parcheggiati in strada. A raccontarlo è sempre Moleri. «So che hanno anche vandalizzato numerosi camper che sostano in paese, per esempio quelli al cimitero. Hanno sfondato i vetri e hanno fatto danni. Uno è quello del mio collega consigliere Pierluigi Zacchetti».

Allarme in paese. Una situazione che sta creando non poco allarme. Sembra infatti che, oltre a una banda di topi d’appartamento dedita a furti e rapine, in paese scorrazzi anche un gruppo di vandali perditempo. In merito ai furti, peraltro, domenica pomeriggio, in via De Gasperi, qualcuno ha forzato la finestra ed è entrato in una villetta a schiera, approfittando dell’assenza dei proprietari e portandosi via oggetti di bigiotteria.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia