Proteste sui social

Alta Velocità tra Milano e Brescia e bassissima qualità per i pendolari

Alta Velocità tra Milano e Brescia e bassissima qualità per i pendolari
14 Dicembre 2016 ore 10:30

Non c’è speranza. I pendolari bergamaschi avevano paura del nuovo orario dei treni per Milano, in vigore da lunedì 12 dicembre. Facevano bene. La settimana di novità nel tabellone è stata segnata dalle antiche ruggini – per usare un eufemismo – del servizio. Soppressioni, comunicazioni errate di Trenord (talvolta è stato messo in pratica il contrario di quanto annunciato), condizioni igieniche dei treni che lasciano a desiderare. Il Comitato Pendolari Bergamaschi ha creato una piattaforma per le segnalazioni: ne sono arrivate più di trenta in due giorni. Significativo il titolo della form da compire: «Segnalaci i tuoi disagi». Questa la descrizione, inserita domenica 11 dicembre: «Domani partirà il nuovo orario ferroviario sulla rete lombarda. A seguito dell’arrivo dell’Alta Velocità sulla Milano-Brescia, gli orari dei Milano-Bergamo cambiano con un anticipo di 5 minuti sulla partenza da Milano. Come Cpb abbiamo intenzione di monitorare attentamente quello che succederà sulla nostra linea a seguito delle modifiche orarie e desideriamo raccogliere ogni segnalazione di disagio su questo form. La raccolta durerà dai 3 ai 6 mesi e ci permetterà di capire dove il nuovo orario potrebbe non funzionare correttamente». Ecco alcune delle segnalazioni postate sulla pagina Facebook del Cpb.

 

 

 

 

 

Le novità di oggi le possiamo trovare su Twitter, e tutte le cose che non vanno sono indicate direttamente da Trenord. Così, per farsi un’idea di cosa deve sopportare un bergamasco che deve andare a lavorare a Milano.

 

 

 

 

 

E il numero di tweet di questo genere postati da lunedì ad oggi è impressionate. Ok, diciamo che il social media si dà da fare. Ma Bergamo continua ad avere un servizio da terzo mondo. Ci meritiamo di più.

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia