Cronaca
in via Paglia e via Novelli

Lavoratori irregolari, igiene scarsa e norme anti-Covid non rispettate: chiusi due negozi

A svolgere i controlli nelle attività commerciali nelle vicinanze della stazione sono stati gli agenti della divisione Pasi della Questura, insieme ai carabinieri del nucleo dell’Ispettorato del Lavoro e al personale dell’Ats

Lavoratori irregolari, igiene scarsa e norme anti-Covid non rispettate: chiusi due negozi
Cronaca Bergamo, 04 Dicembre 2021 ore 15:22

Lavoratori irregolari, condizioni igieniche precarie, autorizzazioni mancanti e violazione delle norme anti-Covid: per queste ragioni un negozio etnico in via Paglia e un’altra attività commerciale in via Novelli sono state sanzionate e chiuse dalle forze dell’ordine.

I controlli negli esercizi pubblici del centro città, in particolare in quelli nelle vicinanze della stazione ferroviaria, sono stati effettuati dalla divisione Pasi della Questura di Bergamo, insieme ai carabinieri del nucleo dell’Ispettorato del Lavoro e al personale dell’Ats.

Nel negozio etnico di via Paglia il personale dell’Ispettorato del Lavoro ha scoperto che mancava il documento di valutazione dei rischi sul lavoro e che era installato un sistema di videosorveglianza che riprendeva il luogo di lavoro, sprovvisto però delle autorizzazioni necessarie. Il personale dell’Ats ha invece riscontrato situazioni igieniche non conformi nel magazzino e nella disposizione della merce sugli scaffali.

Di conseguenza il titolare ha ricevuto una multa di 2 mila euro e l’attività dovrà restare chiusa finchè non sarà messa in regola. Inoltre, il commerciante è stato denunciato per l’impiego di due lavoratori irregolari sul territorio nazionale; uno dei dipendenti era anche sprovvisto dei documenti e perciò è stato accompagnato in Questura per l’identificazione.

All’interno di un esercizio di vicinato di via Novelli, invece, è stato rintracciato un avventore che, oltre a non indossare la mascherina, risultava anche colpito da un foglio di via obbligatorio che gli vietava il ritorno a Bergamo, emesso dalla Questura. Il cliente è stato denunciato in stato di libertà per la violazione del provvedimento e multato per la recidiva riguardante il mancato utilizzo della mascherina. È stato sanzionato anche il gestore per la violazione della normativa anti-Covid; il negozio resterà chiuso per 5 giorni.