In attesa degli effetti del Jobs Act

Lavoro, Bergamo torna a sorridere Quasi 6500 contratti in più nel 2015

Lavoro, Bergamo torna a sorridere Quasi 6500 contratti in più nel 2015
Cronaca 10 Giugno 2015 ore 17:16

Finalmente buone notizie dal fronte occupazionale bergamasco. Gli avviamenti nel primo trimestre 2015 si sono rivelati in aumento del 7,7% rispetto al 2014. A pesare sono soprattutto i contratti a tempo indeterminato, favoriti dagli incentivi fiscali per le imprese introdotti dal governo a inizio anno. Prematuro invece parlare di effetto Jobs Act, che comunque dovrebbe farsi sentire nei prossimi mesi, a giudicare dalle premesse rivelate oggi dalla Provincia, in occasione della riunione del tavolo tecnico Modello Bergamo (cui partecipano sindacati, Camera di Commercio, Imprese&Territorio e Confindustria). I contratti indeterminati siglati nei primi tre mesi dell'anno sono 8.793, con un incremento del 23,2% rispetto all'anno precedente. Un bel balzo, cui però ha contribuito - ecco l'altra faccia della medaglia - il rallentamento delle assunzioni nell'ultima parte del 2014, proprio in attesa dell'introduzione degli incentivi governativi.

 

Image1

 

Segnali positivi. Comunque la si guardi, la situazione tende però verso il miglioramento. Il saldo tra avviamenti e cessazioni di rapporti lavorativi registra infatti un incoraggiante +6.436: per tornare a livelli simili occorre riavvolgere il nastro fino al 2011, quando si arrivò a +6.682. L'anno scorso, per dire, ci si fermò a +5.069. Nel commentare i dati, il vicepresidente di Confindustria Matteo Zanetti ha sottolineato che «pur con le dovute cautele, sembra di assistere a un'inversione di tendenza. Considerando che gli effetti del Jobs Act sono ancora limitati, nei prossimi mesi potrebbe andare anche meglio. In generale, l'aumento degli indeterminati stabilizza l'occupazione e ne innalza la qualità». Analisi in buona parte condivisa dai sindacati, che comunque battono il tasto sull'importanza della formazione per sfornare manodopera all'altezza delle aspettative delle imprese. I segnali di ripresa sono confermati anche da un aumento del 17,8% rispetto a un anno fa dei contratti di somministrazione, tipico indicatore della salute economica congiunturale. Bisogna tuttavia tener presente che il grosso dei nuovi contratti resta a tempo determinato: sono stati ben 13.125, anche questi tuttavia in aumento dell'1,8%. Non ci sono “segni meno”, insomma, ed è già qualcosa di importante.

 

Image2

 

Sorride anche l'edilizia. Persino un settore come l'edilizia, che negli ultimi anni ha sentito più di ogni altro la crisi, fa registrare un +13,5% degli avviamenti. Poca cosa, ma significativa rispetto ai dati drammatici degli ultimi tempi. Bene anche commercio e servizi (+5,1%) e industria (+11,4%). Lieve calo solo in agricoltura (-2,5%), ma sembra più un dato fisiologico. La crescita tocca trasversalmente tutte le qualifiche lavorative, dal low level all'high level. «Il mercato del lavoro si sta finalmente muovendo – annota Beppe Guerini di Imprese&Territorio – Aspettiamo le conferme del prossimo trimestre ma la dinamica è incoraggiante». L'aumento dei tempi indeterminati ha però un “effetto collaterale” che si scarica sull'apprendistato, in calo del 16,8%. Questione di incentivi, che premiano maggiormente la prima tipologia.

 

Image3

 

Cabina di regia. Modello Bergamo si riunirà il prossimo 7 luglio per esaminare l'andamento del secondo trimestre e delineare le opportune strategie. L'idea è di coinvolgere anche l'Università. «Stiamo seguendo le indicazioni dell'Ocse, che ha raccomandato di guidare lo sviluppo territoriale da una cabina di regia istituzionale e rappresentativa». Nessun rischio, secondo Zanetti, che si creino doppioni o sovrapposizioni con la Camera di commercio. «Fa parte del Modello, ha intensificato la sua partecipazione. Nei suoi compiti istituzionali, è vero, c'è quello di regia. Ma si sentiva l'esigenza di un organismo che accogliesse anche la componente politica. In generale, vedo la volontà di collaborare per il bene del territorio».