Alla Giovanni XXIII

Le sfighe non sono mai finite A Curno c’è amianto nella scuola

Le sfighe non sono mai finite A Curno c’è amianto nella scuola
Cronaca 03 Settembre 2018 ore 09:15

Alla scuola elementare «Giovanni XXIII» hanno preso il via le operazioni di bonifica da amianto dopo che, a inizio luglio, dei lavori avevano portato alla luce dei pezzi di materiale contenenti il pericoloso minerale. La scoperta è stata fatta dal personale della ditta incaricata del posizionamento di una scala antincendio sul retro dell’edificio che, durante le operazioni di scavo, hanno rinvenuto una ventina di residui di materiale sospetto.

«Immediatamente i lavori sono stati interrotti ed è intervenuta l’Ats di Bergamo – spiega il sindaco Luisa Gamba –. Il 6 luglio due tecnici hanno effettuato un’ispezione, confermando che probabilmente si trattava di pezzi compositi di cemento-amianto (un dato certificato anche dalle successive analisi, ndr). Così ci siamo subito attrezzati per la nomina di una ditta specializzata per l’intervento di bonifica». Lunedì 27 agosto sono iniziate le operazione di bonifica e smaltimento: «La durata prevista è di dieci giorni. Certamente si concluderanno entro la prima settimana di settembre», assicura il primo cittadino. La modalità d’intervento, definita dall’azienda in accordo con l’Amministrazione, prevede non solo la rimozione dei pezzi di amianto, ma anche dell’area di terreno che li custodiva: «La ditta ci ha comunicato che, per via del numero ridotto e delle piccole dimensioni dei pezzi, sarebbe stato possibile procedere attraverso un cernita manuale. Tuttavia abbiamo ritenuto che, così facendo, potesse sussistere il dubbio che la zona fosse ancora contaminata. Per questo abbiamo deciso di rimuovere completamente il terreno, che verrà sostituito con della terra vergine. Al termine dell’operazione – conclude Gamba – saranno effettuati dei carotaggi per verificare che l’intera area sia stata bonificata».

Benché il solo nome basti a evocare le più atroci paure, è bene rilevare che, in questo caso, il ritrovamento di amianto non rappresenta una minaccia per la salute dei cittadini. Come indicato nero su bianco nel rapporto stilato dai tecnici dell’Ats, infatti, il materiale si presenta...

 

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 33 di BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 6 settembre. In versione digitale, qui.