l'appello

Lettera aperta dei Comuni al presidente Conte: «Ci ascolti. Servono più risorse»

Anci a nome dei sindaci sottolinea la preoccupazione del rischio del blocco di alcuni servizi fondamentali, causa mancati introiti e adeguati aiuti statali, a partire dalla raccolta dei rifiuti.

Lettera aperta dei Comuni al presidente Conte: «Ci ascolti. Servono più risorse»
13 Maggio 2020 ore 07:55

Come si fa a chiedere la tassa dei rifiuti a quelle attività che per mesi sono state costrette alla chiusura totale? I Comuni sono preoccupati. Minori entrate e poco aiuto da parte dello Stato. Così si rischia la paralisi di servizi sociali fondamentali. Anci pone l’attenzione su questa emergenza e invita il Governo all’ascolto. «Non vorremmo ritrovarci a gestire “pericolosi assembramenti” di rifiuti lungo le strade delle nostre città». Lo scrivono in una lettera diretta al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, il presidente dell’Anci Antonio Decaro, il delegato alla finanza locale, i Sindaci delle Città metropolitane e tutti i Presidenti delle Anci regionali.
«Caro Presidente, purtroppo, il decreto “Rilancio” non sembra cogliere in pieno la complessità delle problematiche che investono i Comuni. La continuità dei servizi sul territorio può essere garantita solo con impegni concreti, senza i quali non solo potrebbero incrinarsi il dialogo e la collaborazione tra le Istituzioni, ma verrebbe a crearsi un grave pregiudizio per i Sindaci nell’esercizio delle loro funzioni sui territori e nei confronti delle proprie comunità».


La lettera è matura al termine di un confronto, definito «non facile» con  il ministero dell’Economia, sia sull’ammontare delle risorse necessarie per ripianare le mancate entrate dei Comuni, sia sulla revisione di alcune regole contabili alla base della formulazione dei bilanci locali. «Nessuno oggi può valutare con precisione la dimensione della sofferenza finanziaria che rischia di mettere fuori gioco i Comuni già in crisi o in situazione di più severa tensione finanziaria. Prima del varo del Decreto Rilancio, che non contiene quello che serve ai Comuni e cioè ai cittadini, lei deve ascoltarci», è questo l’appello dei Sindaci a Conte affinché prenda in carico  personalmente la trattativa, cominciando dal tema più urgente di tutti: la tassa sui rifiuti che i sindaci non intendono chiedere ai gestori delle attività commerciali per i mesi in cui sono stati costretti a chiudere per decreto. La  perdita  di entrate per i Comuni è ben più pesante dei tre miliardi di euro previsti nel decreto Rilancio. «Anche per la gestione dei rifiuti, le cifre sono tutt’altro che certe e le competenze appaiono confuse con l’entrata in campo dell’Arera che sarebbe  stato meglio ripensare alla luce dell’impatto effettivo dell’emergenza – scrivono allarmati i Sindaci -. Arera ha calcolato le riduzioni tecniche del prelievo sui rifiuti, basate sulla valutazione della minor produzione dovuta al lockdown delle attività economiche più colpite, in 400 milioni di euro, rimandando a ulteriori provvedimenti l’individuazione di mezzi di copertura delle relative minori entrate. L’impegno dei Comuni – scrivono i Sindaci a Conte – è fondamentale, tanto più in relazione ai servizi che erogano, in particolare quello della raccolta dei rifiuti che in nessun modo può essere interrotto ma che anzi va sostenuto, giorno per  giorno, con adeguati flussi finanziari, se non vogliamo correre il rischio che a un’emergenza sanitaria se ne aggiunga un’altra. Non vorremmo alzare i toni dell’interlocuzione con il Governo, per evitare polemiche e strumentalizzazioni. Siamo certi che comprenderà che non possiamo lasciare nulla di intentato di fronte a possibili sottovalutazioni nella considerazione delle richieste dei Comuni italiani».

Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
ANCI Lombardia