Cronaca
Curiosità

Lo strano caso della cassa di birra Ichnusa ritrovata dalla polizia locale

La fotografia sulla pagina Facebook dei vigili di Bergamo dedicata agli oggetti smarriti

Lo strano caso della cassa di birra Ichnusa ritrovata dalla polizia locale
Cronaca Bergamo, 18 Gennaio 2021 ore 18:04

Da giugno 2017 la polizia locale del Comune di Bergamo ha dato vita a un’iniziativa lodevole: una pagina Facebook dedicata al ritrovamento degli oggetti smarriti. Oggi conta più di 4.500 mipiace. Scorrendo rapidamente la timeline, si capisce quale sia l’articolo più smarrito (eufemismo) in assoluto: la bicicletta. Di marca, soprattutto, ma anche no. Soldi a parte, la gente alla sua due ruote si affeziona, quindi è bello quando la si ritrova. Ma ci sono anche, tra le foto della pagina, tantissimi mazzi di chiavi, caschi da moto, occhiali. Poi, lunedì 18 gennaio, la sorpresa: una cassa di birra Ichnusa. Senza segni di riconoscimento, chiaro, quindi tutti potrebbero dire “è mia”. Che il vuoto fosse a rendere è cosa nota: non si restituiscono più le bottiglie al venditore, come una volta. Ma che lo fosse anche il pieno…

La discriminante, però, è dov’è stata trovata quella cassa. Se fosse stata rinvenuta nei pressi di una panchina potrebbe significare un festino abusivo in zona rossa interrotto in fretta e furia per motivi che stuzzicano l’immaginazione. E allora presentarsi a chiedere la restituzione delle bottiglie sarebbe un po’ un ammissione di colpa. Nei pressi dell’ingresso di un’abitazione, potrebbe invece significare una parte pesante della spesa di cui ci si è dimenticati. E allora reclamare gli “oggetti smarriti” sarebbe più facile.

Il servizio della polizia locale. Curata direttamente dall’Ufficio oggetti smarriti dei vigili di città, la pagina si presenta come un luogo (virtuale) in cui trovare tutte le informazioni utili per recuperare oggetti perduti o biciclette rubate. Sulla pagina vengono pubblicate, di volta in volta, le foto degli oggetti recuperati dal comando di Polizia locale di Bergamo. E i cittadini possono segnalare direttamente quanto gli sia stato sottratto, corredato di foto, direttamente sul social.

Non è impossibile ritrovare le due ruote sottratte: nel 2016, ad esempio, sono state recuperate circa 50 bici rubate e, tra queste, una decina è stata restituita ai proprietari. Sfogliando l’album online, sarà possibile passare in rassegna i mezzi o gli oggetti ritrovati e, con un po’ di fortuna, in caso di furto individuare il proprio.