in tribunale

L’ultimo processo del pm Carmen Pugliese

L’ultimo processo del pm Carmen Pugliese
Bergamo, 08 Gennaio 2020 ore 07:35

Il pm Carmen Pugliese va in pensione. La data ufficiale è fissata il prossimo 1° febbraio, ma ieri per lei è stata una delle ultime udienze in Tribunale. Ed è stato un processo di quelli per cui si è battuta tutta la vita: vale a dire il rispetto delle persone più deboli. Nel caso di ieri (martedì 7 gennaio) la questione era di quelle aberranti: si è trattato di giudicare uno zio accusato di abusi sulla nipotina, alla quale nessuno voleva dare credito in seguito alle sue denunce. Carmen Pugliese ha trascorso 41 anni da magistrato e ieri ha messo il sigillo con l’ultima richiesta di condanna. Per un uomo di 45 anni, residente in un paese della pianura bergamasca ha proposto 14 anni di reclusione. I fatti si sono svolti tra il 2012 e il 2016 quando la bambina aveva nove anni e i maltrattamenti sono durati fino ai tredici. L’uomo fu arrestato nel 2018, quando la ragazzina, finita in caserma per un abuso subito a Milano, raccontò ai poliziotti anche dei fatti subiti dallo zio. Il pm Pugliese ha avuto modo di indignarsi durante il processo quando ha saputo che i familiari avevano accompagnato la ragazzina in caserma dove avrebbe dovuto ritrattare. Cosa poi non accaduta. La ragazza, al contrario, aveva confermato i fatti. Per il pm Pugliese, questo «è un fatto gravissimo, perché anche in sede processuale si è voluto far passare la vittima come una bugiarda». Ora il processo continuerà con la prossima udienza, fissata il 22 gennaio.

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia