Lavorava al Papa Giovanni

Muore di Coronavirus a 46 anni un tecnico e autista del 118

Muore di Coronavirus a 46 anni un tecnico e autista del 118
Bergamo, 14 Marzo 2020 ore 14:14

Aveva 46 anni, si chiamava Diego Bianco, sposato e padre di un figlio di 8 anni si era ammalato alcuni giorni fa, aveva contratto il Coronavirus a causa del suo lavoro nella centrale operativa del 118, il fulcro di tutto il lavoro che si sta facendo per salvare le persone che si ammalano per via del virus. La Centrale operativa è situata nella struttura del Papa Giovanni, nei pressi del Pronto Soccorso. Alcune notti fa era stata chiusa e sanificata, anche perché altri operatori avevano accusato sintomi e le chiamate erano state dirottate ad altre centrali lombarde. Bianco, tecnico e autista, è morto in casa sua a Montello nella notte fra venerdì e ieri dopo sette giorni di febbre.

 

Sono diversi gli infermieri e i medici della centrale operativa del 118 che, in prima linea da sempre, hanno contratto il Covid-19 e sono a casa in malattia. Gli altri continuano la loro battaglia, possiamo dirlo, eroica. Le chiamate sono circa duemila al giorno, il numero di addetti e di ambulanze è aumentato, ma le attese sono lunghe, anche perché le procedure di emergenza e di attenzione si sono moltiplicate.

Se un mese fa l’ambulanza arrivava sul posto in un quarto d’ora, oggi bisogna aspettare anche dieci ore. Ma loro, infermieri e medici, comunque arrivano, sapendo di affrontare il rischio. Per un loro collega e amico, il lavoro di ogni giorno si è rivelato fatale.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia