Città Alta

Non ce l’ha fatta la donna caduta con la bici elettrica in via Fara

Ha battuto la testa contro un cordolo: non indossava il casco protettivo

Non ce l’ha fatta la donna caduta con la bici elettrica in via Fara
23 Giugno 2020 ore 08:52

Non ce l’ha fatta Monica Ginami, 50 anni, di Campagnola: sabato pomeriggio ha perso il controllo della sua nuova bicicletta elettrica (comprata appena 4 giorni prima) in via della Fara, Città Alta, e ha battuto la testa contro un cordolo che separa la strada da un’aiuola. Non indossava il casco protettivo, purtroppo, vivamente consigliato per tutte le biciclette, non solo quelle elettriche, anche se ancora molte persone non lo usano. È rimasta in coma oltre 24 ore del reparto di Terapia intensiva dell’ospedale Papa Giovanni XXIII e se n’è andata nella notte tra domenica 21 e lunedì 22 giugno.

Aveva due figli. La donna viveva in via Ungaretti. Lascia il marito Ivan Mangili, e i figli Davide e Giorgia, che domani deve fare l’esame di maturità all’istituto Natta. Mangili la precedeva in via Fara e si accorto della caduta solo dopo aver sentito un tonfo sordo alle sue spalle.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia