Menu
Cerca
il piano 2021

Nuove luci in quindici punti della città, la giunta approva un investimento da 600 mila euro

Negli ultimi cinque anni Palazzo Frizzoni ha investito oltre 2 milioni e mezzo di euro per la riqualificazione a led dell'impianto di illuminazione pubblica cittadino

Nuove luci in quindici punti della città, la giunta approva un investimento da 600 mila euro
Cronaca Bergamo, 10 Dicembre 2020 ore 11:54

Quindici aree di Bergamo brilleranno di nuova luce, a led. Sarà infatti approvato oggi (giovedì 10 dicembre) dalla giunta il progetto di potenziamento dell’impianto dell’illuminazione pubblica, per il quale saranno investiti 600 mila euro. Il piano prevede l’implementazione nel 2021 dei punti luce in via Tadino, nell’area verde di via Ghandi, nel nuovo parcheggio di via Madonna dei Campi, nel sottopasso di via Stezzano, alla rotatoria di via Linneo, lungo i marciapiede di via Frizzoni, in via San Sebastiano nel tratto tra la chiesetta di San Sebastiano e via Generale Marieni, alle pensiline dei taxi e dei bus di piazzale Marconi, nel tratto iniziale di via Pascolo dei Tedeschi all’incrocio con via Sombreno e lungo gli attraversamenti pedonali di diverse strade cittadine.

Inoltre, verrà aggiunto un punto luce in via Motta e in via De Gasperi e saranno realizzati impianti di illuminazione nelle vie Statuto, Grataroli e Zambonate. Infine il progetto prevede la riqualificazione la sostituzione di pali e corpi illuminanti in via Fontanabrolo e in via Madonna del Bosco. «Negli ultimi cinque anni – spiega l’assessore ai lavori pubblici Marco Brembilla – abbiamo investito oltre 2 milioni e mezzo di euro per un’operazione che, a mio avviso, vale quanto una grande opera. È un segno inequivocabile di attenzione verso la città e i suoi quartieri, un piano che per molti anni è stato necessario attuare, ma che è sempre stato lasciato in secondo piano. Non solo miglioriamo le condizioni di vivibilità di spazi verdi e luoghi pubblici, ma anche la percezione della sicurezza».

6 foto Sfoglia la gallery

La sostituzione della quasi la totalità delle lampade pubbliche del centro cittadino, con un investimento di circa 300mila euro, risale al 2016, anno in cui il Comune di Bergamo e A2A hanno convertito circa 15mila punti luce al led. Grazie a questo sistema di illuminazione si stima una riduzione di 1.600 tonnellate di ‪anidride carbonica e un ‪risparmio di 7 quintali di rifiuti di apparecchiature elettriche. Non solo: la rete pubblica di Bergamo registra una riduzione del 50 per cento del consumo di energia elettrica, pari a circa 900 tonnellate di petrolio risparmiate all’anno che, declinate in contanti, raggiungono la cifra di 350mila euro.