Ultima ora

Nuovo caso di Coronavirus nella Bergamasca: risultato positivo un uomo di Cisano

Nuovo caso di Coronavirus nella Bergamasca: risultato positivo un uomo di Cisano
26 Febbraio 2020 ore 19:41

È notizia di poco fa la conferma di un ulteriore caso di Coronavirus nella Bergamasca. Come rende noto PrimaLecco, si tratta di un uomo di Cisano Bergamasco.

Dopo il tam-tam di voci circolate in giornata, questa sera è arrivata la conferma anche da parte del sindaco del comune della Valle San Martino, Andrea Previtali. «Per correttezza d’informazione e alla richiesta di molti, non posso smentire la notizia che un nostro concittadino è risultato positivo al Coronavirus – ha scritto il primo cittadino su Facebook -. Non voglio partecipare alla fiera mediatica del pettegolezzo anche nel rispetto delle persone coinvolte e dei cittadini della mia comunità. Vi chiedo di non chiedermi il nome della persona (che l’Ats non mi ha comunicato per rispetto della privacy). Quello che invece voglio dirvi e confermarvi è che il vostro sindaco è a conoscenza dello sviluppo reale della situazione epidemiologica e sanitaria sulla questione ed è in contatto diretto con  l’Ats di Bergamo. Proprio in relazione a ciò vi dico che non sussiste ad oggi nella nostra comunità nessuna emergenza sanitaria, solo l’applicazione preventiva dell’ordinanza regionale».

Contattato dai colleghi di PrimaLecco per un commento, il sindaco Previtali ha ricostruito brevemente l’accaduto. «Si tratta di un uomo, l’identità però al momento non mi è ancora nota. L’Ats sta espletando tutte le procedure di rito e aspetto comunicazioni. Del resto i contagi da Coronavirus iniziano a non essere più una novità ed è toccato anche al nostro paese. L’invito alla cittadinanza è ovviamente alla prudenza: prendere qualche precauzione ed evitare luoghi affollati per qualche giorno è qualcosa di accettabile, sono certo che da questo momento ne usciremo tutti quanti stando uniti e collaborando».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia