Verso la A2

Olimpia Bergamo, «La squadra può puntare molto in alto»

Olimpia Bergamo, «La squadra può puntare molto in alto»
Cronaca 28 Luglio 2018 ore 10:45

Nei giorni scorsi si è alzato il sipario sul calendario della prossima Serie A2, che vedrà protagonista per la terza volta consecutiva l’Olimpia Bergamo, inserita nel Girone Blu in compagnia di Cisano e altri dodici club. Il sorteggio è stato abbastanza insidioso nelle fasi iniziali, visto che i bergamaschi si troveranno di fronte immediatamente la trasferta in casa di Ortona (nelle cui fila ci sarà anche l’ex Ludovico Dolfo) e la sfida interna contro Gioia del Colle. Poi Club Italia, Taviano, Catania, Tuscania, Grottazzolina, Castellana Grotte, Cantù, Pordenone, Cuneo, Piacenza e la chiusura con il derby contro Cisano. E ora che la squadra è completa è possibile fare un’analisi a 360 gradi con il nuovo tecnico Alessandro Spanakis, che ha preso il posto di Gianluca Graziosi.

 

 

Coach Spanakis, ora il roster è completo. Che idea si è fatto del gruppo di lavoro che ha a disposizione?
«Sono soddisfatto, perché con Vito Insalata abbiamo fatto un lavoro lungo e duro per portare giocatori di qualità senza dimenticare il budget. I giocatori che sono arrivati erano quello che ci eravamo costruiti nella testa. Abbiamo una squadra competitiva e mi auguro che Adamajti si possa dimostrare tutto il suo valore. A Milano fece bene nonostante una situazione particolare. È un buon potenziale, vedremo come si approccerà alla A2. Spero non faccia rimpiangere Hoogendoorn. I centrali erano quelli prefissati dall’inizio, mentre Tiozz o è uno di quelli che può ricoprire il ruolo di Pierotti».

L’Olimpia è stata inserita nel Girone Blu. Come lo valuta?
«Dico sempre che se vogliamo aspirare al massimo è utile confrontarsi con squadre di livello, pertanto è un raggruppamento che mi piace. Ma dopo aver osservato i roster di tutte le squadre devo dire che il nostro gruppo è competitivo verso l’alto. Nel Girone Bianco, se togliamo Spoleto e Santa Croce, abbiamo Brescia, Reggio Emilia, Mondovì e Lagonegro che si giocano gli altri due posti, poi è un livello medio basso, tendente al basso, con diverse neopromosse...»

 

Per leggere l’articolo completo rimandiamo a pagina 39 di BergamoPost cartaceo, in edicola fino a giovedì 2 agosto. In versione digitale, qui.