Verso il ritorno in aula

Palazzo Frizzoni investe oltre 1 milione di euro per la ripartenza delle scuole di primo grado

Il Comune di Bergamo è riuscito a evitare il ricorso a spazi aggiuntivi in affitto. Alcuni lavori straordinari di adeguamento alle norme anti-Covid, per un costo complessivo di 752mila euro, hanno riguardato tutti i 54 plessi scolastici, altri hanno risposto a esigenze specifiche emerse durante i sopralluoghi

Palazzo Frizzoni investe oltre 1 milione di euro per la ripartenza delle scuole di primo grado
Bergamo, 10 Settembre 2020 ore 16:00

Per garantire la ripresa delle lezioni nelle maggiori condizioni di sicurezza possibili sia per gli studenti sia per il personale Palazzo Frizzoni ha messo mano al portafogli, investendo oltre 1 milione di euro per adeguare gli spazi e le aule in funzione delle norme anti-Covid. «Per affrontare la mole di lavoro necessaria alla ripartenza della scuola è stato utile avere istituito una direzione specifica di edilizia scolastica e sportiva che, da giugno ad agosto, ha lavorato intensamente insieme con l’assessorato all’istruzione – spiega l’assessore all’istruzione Loredana Poli –. È stato fatto il possibile per soddisfare le diverse esigenze dei nove Istituti comprensivi cittadini (che contano 18 scuole dell’infanzia, 21 elementari e 15 scuole medie) e dei dodici nidi comunali con due sezioni staccate».

Inoltre, il Comune di Bergamo è riuscito a evitare il ricorso a spazi aggiuntivi in affitto. «Così facendo garantiamo le attività scolastiche nei luoghi già in uso – aggiunge l’assessore Poli – oltre che il servizio mensa senza lunch box, ma con i pasti serviti in aula, escludendo aggravi di spesa per le famiglie. In più quest’anno offriamo 15 nuovi posti per il tempo pieno e 12 per il tempo parziale per i nidi cittadini, che si aggiungeranno ai 575 attuali, grazie ad una nuova convenzione con l’asilo d’infanzia di Colognola e alla riconversione della Casetta del Parco del Galgario in una sezione part-time del nido di via Borgo Palazzo».

Alcuni dei lavori straordinari legati all’emergenza Covid, per un costo complessivo di 752mila euro hanno riguardato tutti i 54 plessi scolastici, mentre altri hanno risposto a specifiche esigenze emerse durante i sopralluoghi dei tecnici. Nello specifico, i lavori comuni sono stati: la formazione di vialetti per uscite nei giardini; la verifica delle coperture e pulizia dei canali, dei pluviali, dei pozzetti piede pluviale e della rete fognaria; la revisione dei serramenti e la sostituzione vetrate rotte o danneggiate; lo smantellamento, riallestimento ad aula e la tinteggiatura di spazi quali laboratori di informatica, arte, musica.

Le opere specifiche, differenziate sulla base delle necessità delle scuole, sono state le seguenti:

1) IC Da Rosciate – IC De Amicis:

  • Scuola primaria Alberico da Rosciate: Lavori di tinteggiatura interna di tutta la scuola e sistemazione opere elettriche
  • Scuola primaria Ghisleri e secondaria Galgario: Lavori di smantellamento aula informatica e trasformazione refettorio in aula
  • Scuola primaria Savio: Lavori di sistemazione aule interne con abbattimento di muratura

2) IC I Mille – IC S.Lucia:

  • Scuola secondaria Savoia: Dismissione aula informatica e tinteggiatura
  • Scuola primaria Cavezzali: Demolizione muratura con accorpamento di due aule
  • Scuola primaria Scuri: Conversione aule attualmente ad uso refettorio e rifacimento servizi igienici
  • Scuola primaria S.Lucia: Sistema di fissaggio apertura finestre e lavori esterni

3) IC Camozzi- Donadoni:

  • Scuola secondaria Camozzi: Adeguamento dimensionale aule; Riparazione infiltrazioni diffuse dalla copertura palestra e ritinteggiatura
  • Palestra scuola Angelini: Riparazione infiltrazioni diffuse dalla copertura palestra
  • Scuola secondaria Donadoni: Rifacimento blocco servizi igienici piano terra e fognatura; riparazione infiltrazioni
  • Scuola Primaria Locatelli: Adeguamento dimensionale aule piano primo e funzionale al metodo “Scuola senza zaino”

4) IC Mazzi – Muzio:

  • Scuola secondaria Lotto – Adeguamento dimensionale di tre aule al piano primo e un’aula a piano terra; Verifica infiltrazioni dalla copertura metallica
  • Scuola secondaria Muzio – Rifacimento di due blocchi servizi piano terra; Messa in sicurezza sopraluce aule pareti verso corridoio
  • Scuola primaria Manzoni – Riparazioni infiltrazioni di acqua piovana dalla copertura auditorium e aula di musica con ripristino dei locali interessati
  • Scuola dell’infanzia Colognola – Tinteggiatura

Inoltre, Palazzo Frizzoni ha stanziato 465.399 euro che sono stati utilizzati per: la fornitura di attrezzature informatiche durante il lockdown; la costruzione di gazebo nei giardini; la consegna di arredi, armadietti e attrezzature per l’indirizzo montessoriano, divisori per la creazione di nuovi ambienti o aree di lavoro per gruppi; operazioni di trasloco; installazione di prodotti multimediali e adeguamenti elettrici; e, infine, opere di pulizia di fine cantiere e sanificazioni.

A tutto questo si aggiungono ulteriori lavori straordinari già previsti dal Comune per alcune scuole della città, di competenza sia del servizio di edilizia scolastica e sportiva, ma anche dell’ufficio impianti, delle opere del verde e di A2A. In particolare sono stati eseguiti: l’adeguamento per la prevenzione incendi (spesa complessiva di 402.724 euro), l’efficientamento energetico di scuole e impianti sportivi (450mila euro), l’ampliamento della scuola secondaria S. Lucia (300mila euro); adeguamento funzionale e superamento delle barriere architettoniche degli edifici scolastici e delle strutture per l’infanzia (128.500 euro); potature e tagli dell’erba ordinari; sostituzione di serramenti e manutenzione straordinaria degli impianti tecnologici.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia