Cronaca
Le parole dopo Atalanta-Fiorentina 2-1

Papu: «Portiamo la città a Roma» Gasp adesso non teme più nessuno

Papu: «Portiamo la città a Roma» Gasp adesso non teme più nessuno
Cronaca 27 Aprile 2019 ore 06:00

L’Atalanta ribalta il gol iniziale di Muriel e conquista il pass per la finale di Roma contro la Lazio. Merito di una grande prova corale e anche di Gomez, autore del gol vittoria. «È un’emozione enorme - esordisce il Papu -. Raggiungere la finale di Roma era diventato il nostro obiettivo la sera in cui abbiamo eliminato la Juventus. Ora vogliamo portare a Roma tutta Bergamo». A proposito del gol subito, Gomez aggiunge: «Ultimamente abbiamo preso diversi gol nelle prime fasi dei match e sicuramente dobbiamo migliorare sotto questo aspetto. Ma, per fortuna, questa squadra ha la forza di reagire sia fisicamente che mentalmente e questo ci rende forti». Non manca uno sguardo al campionato, con la Dea sempre in Zona Champions. «Ora abbiamo raggiunto la finale e ci ritufferemo nel campionato, competizione in cui cercheremo di vincere tutte le partite anche se sappiamo che non sarà facile, ma credo che i giochi resteranno aperti fino alla fine. Dedica? Va alla mia famiglia e ai miei compagni. È da luglio che stiamo facendo allenamenti e partite, in tante settimane passo più tempo con loro che con moglie e figli. Ma siamo un gruppo spettacolare».

Oltre a Gomez, anche Gian Piero Gasperini vola sulle ali dell’entusiasmo. «È stata una bellissima serata per noi perché arriviamo a un traguardo fantastico come la finale di Roma - dichiara nel post-match -. L’abbiamo cercata in tanti modi, faticando contro una Fiorentina forte, ma i ragazzi sono stati bravi. Ilicic? Contiamo di recuperarlo, non possiamo perdere più nessuno soprattutto nel pacchetto avanzato. Qualcuno ha pagato un po’ la gara di lunedì a Napoli, ma non potevamo dirlo prima e proprio per questo motivo i ragazzi vanno elogiati ancor di più perché hanno estratto il massimo nei momenti di difficoltà. Primo gol? Pur essendo schierati, l’abbiamo preso e il gol subito ci ha costretto a giocare come sempre, prendendoci dei rischi e costruendo la gara senza accontentarci del pareggio. Volevamo vincere a tutti i costi e ci siamo riusciti. Mercato? Siamo concentrati solo sulle partite che si giocano sul campo. Ora ci giochiamo qualcosa di importante anche in campionato, Bergamo vive in un momento fantastico: sarebbe bello centrare l’Europa per al terzo anno di fila. Champions o Coppa? Non si può scegliere, ci giochiamo entrambe. Gollini? Da quando è rientrato è stato determinante in ogni gara. Paure? Ora andiamo tranquilli fino al traguardo. Era delicata, ora ci sono gare difficili, ma abbiamo il tempo per prepararci».