Controlli anti-bombe

Adesso per volare negli USA dovremo accendere i cellulari

Adesso per volare negli USA dovremo accendere i cellulari
07 Luglio 2014 ore 10:45

I passeggeri diretti negli Stati Uniti non potranno portare a bordo degli aerei il proprio cellulare a meno che non dimostrino che si accende e funziona correttamente. Lo ha annunciato la Transport Security Administration (Tsa), l’agenzia statunitense che si occupa della sicurezza negli aeroporti, per rispondere alla richiesta di maggiori controlli negli scali internazionali da parte di Washington, in un momento di crescenti minacce terroristiche. La Tsa ha fatto sapere che ai viaggiatori sarà chiesto di accendere ogni dispositivo elettronico prima dell’imbarco. Se sarà scarico e non si potrà quindi accendere, dovrà essere lasciato a terra e il proprietario potrà essere sottoposto a ulteriori controlli.

Il comunicato ufficiale. La notizia è apparsa sul sito della TSA domenica 6 luglio 2014: «La scorsa settimana il Segretario della Sicurezza Homeland (termine introdotto nei reparti di sicurezza a seguito dell’attacco alle Torri Gemelle) ha chiesto alla TSA di mettere a punto misure potenziate nei punti di controllo degli aeroporti esteri con voli diretti verso gli Stati Uniti. Come i viaggiatori sanno, tutti i dispositivi elettronici sono scansionati dagli ufficiali della sicurezza. Durante il controllo di sicurezza, gli ufficiali possono anche chiedere ai proprietari di accendere i dispositivi, telefoni cellulari inclusi. I dispositivi scarichi non potranno essere accesi non saranno consentiti a bordo. E il viaggiatore potrà anche essere sottoposto a controlli ulteriori. TSA continuerà a perfezionare le misure di sicurezza per assicurare ai viaggiatori i più alti livello di sicurezza di volo, garantiti nel miglior modo possibile».

Bombe nei cellulari e nelle scarpe. I responsabili della Tsa hanno spiegato che le nuove regole servono per evitare attacchi esplosivi condotti con nuove tecnologie: all’interno di smartphone e tablet potrebbero essere nascoste cariche esplosive particolari, non rilevabili dagli scanner durante i controlli di sicurezza. Nei giorni scorsi funzionari dei servizi segreti americani avevano dichiarato di temere che al-Qaeda potesse produrre una bomba in grado di passare inosservata ai controlli aeroportuali.

I funzionari statunitensi hanno individuato alcuni modelli di smartphone che possono essere trasformati in dispositivi esplosivi capaci di evitare il rilevamento nei controlli più superficiali. Tra i telefonini che i terroristi di al-Qaeda avrebbero scelto per creare delle bombe ci sarebbero l’iPhone della Apple e il Galaxy della Samsung.
Le bombe artigianali potrebbero, secondo il rapporto Usa, essere efficacemente nascoste anche nelle scarpe, che saranno perciò controllate con più cura per tutti i voli in partenza da Europa, Medio Oriente e Africa.
Secondo quanto riportato da Reuters, l’intelligence statunitense avrebbe acquisito prove che dimostrano che i gruppi terroristici del Fronte-al-Nusra e dell’Aqap (Al-Qaeda in the Arabian Peninsula) hanno già testato i nuovi esplosivi. In ogni caso, le autorità per la sicurezza hanno dichiarato che sono al lavoro «per garantire che i nuovi controlli creino il minor numero possibile di disagi per i viaggiatori».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia