Covo

Picchia e minaccia di morte la ex perché non accetta a separazione

La vittima fortunatamente è riuscita a svincolarsi dalla morsa del suo aggressore

Picchia e minaccia di morte la ex perché non accetta a separazione
01 Marzo 2020 ore 18:35

Non rassegnandosi alla fine della sua storia d’amore con una commessa 27enne di Covo, prima ha percosso la ragazza per poi minacciarla gravemente di morte. Stamattina, domenica 1 marzo, i carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Treviglio hanno arrestato un cittadino di origini marocchine 36enne. L’uomo, senza fissa dimora, ma regolare sul territorio nazionale.

Percosse e minacce. Verso le 4 del mattino, alla porta dell’abitazione della commessa si è presentato, suonando il campanello, il suo ex compagno, il quale ha chiesto di poter entrare per chiarire i motivi che avevano portato alla loro recente separazione. La donna ha acconsentito ma poco dopo, mentre ribadiva all’uomo le sue ragioni e la sua intenzione di non tornare indietro sulla decisione presa, il 36enne, non accettando la volontà della ex compagna, l’ha aggredita a suon di schiaffi e l’ha minacciata, dicendole che gliela avrebbe fatta pagare.

L’intervento dei carabinieri. La vittima fortunatamente è riuscita a svincolarsi dalla morsa del suo aggressore e rifugiatasi nella camera da letto, ha chiesto aiuto telefonando al numero d’emergenza 112. Giunta tempestivamente sul posto una pattuglia dei carabinieri del Radiomobile di Treviglio, i militari, entrati in casa, sono riusciti con non poche difficoltà a bloccare l’uomo che in preda ad una vera e propria crisi d’ira, anche in loro presenza, ha continuato a minacciare di morte la ex compagna.

L’arresto. Scattate le manette il marocchino, sarà trattenuto presso le camere di sicurezza della caserma di Treviglio e nella mattinata di domani condotto in Tribunale a Bergamo, per esser sottoposto alla convalida del suo arresto e al giudizio per direttissima.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia