Cronaca
Le immagini alla moviola

Dea, a Bologna sconfitta meritata Ma almeno un rigore per noi c'era

Dea, a Bologna sconfitta meritata Ma almeno un rigore per noi c'era
Cronaca 03 Novembre 2015 ore 09:41

Una sconfitta incredibile, maturata nella ripresa con i tre gol del Bologna ma caratterizzata anche da un primo tempo con almeno 3 episodi sospetti in area di rigore dei felsinei. La moviola di Bergamo Post, questa volta, è abbastanza chiara: all’Atalanta manca almeno un calcio di rigore. Forse, addirittura due. Eccoli allora i momenti decisivi del match, dagli errori dell’arbitro fino alla perla di Brienza, passando per l’incredibile leggerezza di Toloi che ha spianato la strada a Giaccherini.

 

1 - 6’ minuto: episodio dubbio in area, Ferrari affonda Gomez

In avvio di gara, Gomez prova a prendere d’infilata l’esterno destro del Bologna Ferrari. La palla è sulla sinistra, il numero 10 atalantino salta netto Gastaldello e appena entrato in area dal lato corto su di lui ritorna proprio Ferrari. Il difensore bolognese gli appoggia un braccio sulla schiena e lo fa cadere. Tra le gambe non ci sono contatti, tuttavia se l'arbitro avesse voluto essere fiscale avrebbe potuto fischiare, anche se Gomez probabilmente accentua un po’.

 

2 - 11’ minuto: grande occasione per l’Atalanta,
Gomez manda sopra la traversa di testa

I nerazzurri, nonostante un Bologna voglioso di sbloccare subito la gara, si rendono molto pericolosi nel primo vero affondo del match. Carmona recupera in contrasto un bel pallone, D’Alessandro si lancia nello spazio e mette al centro un pallone con il contagiri: Papu Gomez arriva in corsa, il suo terzo tempo è perfetto ma la zuccata poderosa finisce di pochi centimetri sopra la traversa con Mirante battuto.

 

3 - 21’ minuto: il Bologna chiede un calcio di rigore
per il contatto Kurtic - Mounier

Azione di Destro ai 25 metri, il numero 10 del Bologna trova il pertugio giusto per Giaccherini che arriva sul fondo e mette dentro un pallone molto insidioso verso il dischetto del rigore. Mounier e Kurtic corrono verso il pallone, le immagini mostrano come le gambe dei due giocatori si incrociano ma è quella del nerazzurro ad essere più avanti con il sinistro del francese che riesce comunque a passare e a calciare. I felsinei protestano, ma la moviola conferma che Kurtic per evitare problemi si è addirittura fermato. Il contatto, se c’è, è lievissimo.

 

4 - 33’ minuto: fallo di Ferrari su Gomez, manca un rigore all’Atalanta

Passata da poco la mezz’ora, l’Atalanta si proietta ancora in attacco. D’Alessandro con un sinistro dolce pesca Gomez in area, il numero 10 atalantino affronta Ferrari che in scivolata gli rimpalla la conclusione. Il pallone resta vicino al piede destro del Papu, il terzino del Bologna apre la gamba da terra e tocca anche il pallone ma prima di farlo ostacola l’avversario. Azione molto, molto dubbia: la moviola evidenzia il tocco sul pallone del difensore bolognese, ma il gioco da terra e il danno procurato a Gomez sono palesi.

 

5 - 35’ minuto: secondo grande occasione per l’Atalanta, Kurtic spara su Mirante

La spinta dell’Atalanta continua, il solito D’Alessandro spinge sulla destra e trova il rasoterra giusto verso il centro dell’area. Denis è in anticipo e fa buon velo, alle sue spalle arriva Kurtic che con il primo controllo si alza perfino il pallone sul sinistro: la conclusione a colpo sicuro è giusta, purtroppo mira e forza sono troppo scarse e Mirante finisce per fare il miracolo.

 

6 - 42’ minuto, Ferrari anticipa D’Alessandro
ma tocca il pallone con il braccio in area

Dalla destra Masiello mette al centro un pallone tagliato, sul secondo palo D’Alessandro è in ritardo ma va in pressing su Ferrari che allarga le braccia e tocca la sfera, che ribalza a metà tra il petto e il braccio. Le immagini confermano il tocco. A sua parziale discolpa c'è da dire che il passaggio della palla sul braccio avviene dopo che è rimbalzata sul suo stesso corpo, tuttavia c'è un dettaglio decisivo: allargando le braccia, Ferrari copre maggiormente il pallone ma aumenta anche il volume del proprio corpo. E con le braccia così larghe il calcio di rigore si può anche assegnare.

 

7 - 53’ minuto, gol del Bologna: topica di Toloi, ne approfitta Giaccherini

La partita si sblocca al 53’ minuto: un lancio lungo verso la fascia destra difensiva dell’Atalanta trova Toloi liberissimo con Stendardo pronto all’appoggio e Sportiello tra i pali. Il difensore brasiliano non è pressato da nessuno (Giaccherini è a 5 o 6 metri) ma la scelta di toccare verso il portiere si rivela sbagliata sia per il tocco (troppo corto) che per il posizionamento del corpo. Dalla linea laterale c’erano ancora alcuni metri, Toloi potrebbe tranquillamente proteggere la palla con il corpo e calciarla lungo la linea laterale. Errore madornale.

 

8 - 58’ minuto, gol di Destro dal limite: ripartenza veloce, Atalanta molle

La palla è sulla destra, appena dopo il centrocampo. D’Alessandro si lascia anticipare da Masina di testa, sul successivo contrasto Toloi è troppo molle e quando la palla arriva a Destro, l’attaccante è liberissimo al limite. L’Atalanta subisce il secondo gol, i nerazzurri sono anche sfortunati perché Paletta tocca la palla che prende una traiettoria strana e si infila proprio nel’angolino.

 

9 - 85’ minuto: gol da cineteca di Franco Brienza

La partita si chiude all’85’ con un super gol di Franco Brienza. Il fantasista de Bologna prende palla ai 40 metri, nessuno lo contrasta e dopo una mini-sgroppata verso Sportiello lascia partire un sinistro perfetto che si infila all’incrocio. Atalanta sfortunata, gol bellissimo dell’ex di turno.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter