Cronaca
Che scena

Ragazze fanno a botte fuori da scuola: i compagni le incitano alla rissa

Molti girano video ma nessuno le divide. Ad intervenire per primi i docenti e il preside dell'istituto, poi i carabinieri della stazione di Orzinuovi

Cronaca 20 Settembre 2022 ore 16:04

Scene di incredibile violenza quelle che si sono viste ieri pomeriggio, lunedì 19 settembre, all'esterno dell'istituto superiore Grazio Cossali di Orzinuovi. All'uscita da scuola due ragazzine, minorenni, hanno fatto a botte incitate dalla folla di studenti. Questi ultimi, anziché dividerle, sembravano apprezzare lo spettacolo che è stato ripreso dagli smartphone. Immagini che ormai, in questi giorni e in queste ore, rimbalzano tra gli smartphone degli studenti e degli insegnanti, e che lasciano una profonda amarezza.

Secondo una prima ricostruzione le due ragazzine hanno avuto un alterco all'interno della scuola e poi, all'uscita, hanno continuato fino a venire alle mani. I toni si sono esasperati durante la giornata, finché non hanno deciso di affrontarsi proprio nel parcheggio alla fine delle lezioni, circondate da una folla di studenti. Un diverbio piuttosto teatrale dove prima si sono insultate faccia a faccia, poi sono passate agli spintoni e alla fine, al grido di "rissa, rissa, rissa" della folla, sono arrivate alle botte, con schiaffi e pugni sferzati in pieno viso. Ad intervenire per primi i docenti e il preside dell'istituto, che le hanno divise, poi i carabinieri della stazione di Orzinuovi.

La folla, all'arrivo della autorità si è subito dispersa: una delle protagoniste della vicenda se ne è andata prima di essere raggiunta dalle Forze dell'Ordine e dagli insegnanti, mentre l'altra, dopo aver fornito un breve resoconto dei fatti ai militari, è tornata a casa col naso sanguinante. Al momento nessuna denuncia è stata sporta, né dalla scuola né dalle ragazze, e dall'istituto vige l'assoluto riserbo sulla vicenda. I motivi del litigio rimangono un mistero che spetterà, a questo punto, agli insegnanti e ai genitori verificare e risolvere, ma anche sul quale riflettere, affinché episodi del genere non si ripetano più.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter