Economia
retail full price

Refrigiwear ha trovato la sua finestra sul mondo: nuova apertura a Oriocenter

Refrigiwear ha trovato la sua finestra sul mondo: nuova apertura a Oriocenter
Economia 24 Maggio 2021 ore 14:03

A Oriocenter è arrivato RefrigiWear. Per il marchio di abbigliamento si tratta del primo retail full price monomarca, che inaugura quindi un nuovo capitolo per il brand, che negli ultimi anni ha consolidato la sua presenza, per quanto riguarda i negozi monomarca, principalmente negli outlet. Fondato nel 1954 a New York, il marchio RefrigiWear è figlio dell’intuizione che portò due imprenditori americani a sviluppare una assoluta innovazione in ambito work-wear: l’obiettivo era quello di individuare una tecnologia in grado di rispondere alle esigenze degli operai coinvolti in lavori ostili in ambienti molto freddi (ad esempio lavoratori che dovevano trascorrere molto tempo in celle frigorifere). Da poco era nato il dipartimento delle fibre tessili DuPont e con il supporto della nota azienda americana i due imprenditori lavorarono ai capi Weather Alls, che ai tempi vennero accolti – a ragione – come una vera e propria rivoluzione nell’ambito della tecnologia isolante, rappresentando un’alternativa all’indossare giacche di lana pesanti e scomode, oltre che diversi strati di sotto-vesti.

Da quel momento il marchio ha avuto una rapida diffusione negli Stati Uniti, e negli anni Novanta un esperto e appassionato di marchi originali americani lo scoprì e iniziò a importarlo prima in Italia e poi nel resto d’Europa. Negli anni 2000 il marchio arrivò in Italia: da allora, RefrigiWear ha fatto il suo ingresso anche nel mercato della moda grazie alla gestione di RefrigiWear Distribution, società italiana con una storia trentennale nell’ambito del fashion globale e del retail, continuando al contempo la sua attività americana nella produzione di work-wear. Una new entry importante per Oriocenter, di cui ci parla Elisa Arrigoni, responsabile del marketing della sezione retail di RefrigiWear.

RefrigiWear è un’istituzione ormai, qual è la sua presenza a livello nazionale e internazionale? 

«Il brand è distribuito molto bene in Italia e sta crescendo a livello internazionale, anche grazie a varie collaborazioni, come la capsule con Supreme New York, Vyner Articles e Staple Piegeon».

Quello di Oriocenter è sicuramente un investimento importante, cosa vi ha spinti a puntare su questo centro commerciale? Cosa vi aspettate da questa apertura?

«Oriocenter è solo un punto di partenza per lo sviluppo retail. Orio è, più di altri centri in Italia, una vetrina sul mondo. Ci aspettiamo molto da questo store, con la speranza che si torni presto alla normalità».

Cosa c’è dietro all’apertura di un retail full price, passaggio inedito per il vostro marchio? 

«Ormai sono molti gli store RefrigiWear monomarca nei centri outlet, il passaggio al retail full price non era scontato, ma diciamo che per noi è stato quasi naturale. Un po’ più complicato è stato trovare il posto giusto, ma la possibilità di aprire a Oriocenter ci è sembrato il giusto connubio per iniziare questa nuova avventura».

Aprire un negozio significa anche creare posti di lavoro. Che figure professionali sono coinvolte in questo progetto?

«Le nuove aperture portano nuova linfa e lavoro per tante persone, il nostro team si occupa di tutto, dalla progettazione alla gestione, perciò diciamo che quando apriamo una nuova realtà le persone coinvolte non si limitano allo staff del negozio, ma il team di lavoro è più ampio».

Siamo reduci da un anno molto complicato, con ripercussioni economiche non trascurabili. Cosa significa per voi avviare un nuovo progetto in questo momento?

«Significa crederci, investire e lavorare tanto perché tutto vada nel migliore dei modi. Se poi riuscissimo a riaprire senza limitazioni sicuramente sarebbe più facile per tutti, la notizia della riapertura nei week-end ci rende molto, molto felici».

Come si presenta il vostro negozio? 

«Lo store è di circa cento metri quadrati, richiama tutte le caratteristiche del brand, la mascotte Reggie luminosa rimane il marchio di fabbrica, come la piastrellina nera bordata di giallo che richiama le vecchie macellerie da cui nasce il marchio, ma tutto rivisitato in una luce nuova. Il vetro giallo fluo e fumé e acciaio portano il negozio a un livello superiore, tutto incastonato in altissime strutture che inscatolano perfettamente lo spazio rendendolo facile da percepire e allo stesso tempo piacevole allo sguardo».