dA 45 A 60 milioni

Seat, Percassi rilancia

Cronaca 10 Giugno 2014 ore 10:50

GFI di Vittorio Farina e Odissea di Antonio Percassi hanno avanzato una nuova offerta a Seat Pagine Gialle, a Seat Pagine Gialle Italia e agli organi della procedura concordataria congiunta, per il tramite di D.Holding, finanziaria costituita per l’operazione Seat, di cui detengono il 50% in misura paritetica, .
Si tratta di una nuova proposta, migliorativa rispetto a quella avanzata lo scorso 9 maggio, che prevede  un’integrazione tra Dmail Group, Seat Pagine Gialle e Seat Italia. Si tratta di una proposta “vincolante per una possibile integrazione tra Dmail, Seat e Seat Italia, a servizio delle procedure di concordato preventivo di queste ultime”.

In sintesi, l’offerta prevede:
1. Un incremento di 14 milioni della somma di denaro offerta ai creditori chirografari, ovvero i creditori non privilegiati e che non godono di alcun diritto di prelazione. Dagli originari 46 milioni del 9 maggio scorso si arriva a un totale di 60 milioni.
2. La possibilità di scambiare il 99,75% delle azioni rivenienti dalla fusione tra Seat e Seat Italia con una quota del 55% delle azioni Dmail risultanti dall’aumento di capitale a servizio dell’offerta, anziché con la quota del 40% indicata nella proposta del 9 maggio.

Tuttavia, la proposta resta condizionata ad alcuni punti fermi, su cui la D.Holding non intende fare sconti: innanzitutto devono essere eseguiti gli accordi di ristrutturazione di Dmail previsti, a seguito dei quali dovranno poi divenire efficaci, in D-Holdinh,le partecipazioni che saranno acquistate da Farina e Percassi, dopo l’aumento di capitale previsto per Dmail. Infine, come è ovvio, dovrà raggiungersi l’omologazione delle proposte di concordato preventivo di Seat e Seat Italia.

Nonostante il miglioramento dell’offerta, al momento a Piazza Affari il titolo Seat Pagine Gialle non reagisce, rimanendo stabile. Cala di poco, invece, Dmail, scambiando a quota 3,946 euro.

La questione Seat Pagine Gialle è nata quando la storica società italiana, dopo aver raggiunto per anni valori stratosferici in Borsa, ha subito un crollo sul mercato. E ha chiuso il bilancio 2013 con 460 milioni di perdite. A maggio, Vittorio Farina e Antonio Percassi hanno avanzato la loro proposta: una somma di 40 milioni a disposizione dei creditori finanziari (banche creditrici e possessori di titoli obbligazionari); il concambio con azioni Dmail; i creditori privilegiati soddisfatti al 100%; 6 milioni messi a disposizione per i creditori chirografi; l’assegnazione di warrant gratuiti agli piccoli azionisti di Seat (fino a 30 mila azioni possedute) per l’acquisto di titoli Dmail, il gruppo candidato a rilevare la società, con uno sconto del 50 per cento. 
In seguito, i fondi titolari di bond e credito Seat, che rappresentano la maggioranza del credito totale, si sono opposti. E oggi i due imprenditori rilanciano. I tempi stringono, perché la proposta deve essere approvata dai creditori prima del giudizio sul concordato preventivo, fissato per metà luglio.

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità