Cronaca
Il gran rifiuto

Sentieri chiusi a Lecco, il sindaco: «Si tornerà in montagna dal 18 maggio»

«I servizi di recupero e sanitari sono ancora impegnati su un fronte più complesso, che inevitabilmente condiziona la loro capacità di intervento»

Sentieri chiusi a Lecco, il sindaco: «Si tornerà in montagna dal 18 maggio»
Cronaca 09 Maggio 2020 ore 09:00

Sentieri chiusi a Lecco:  «Si tornerà in montagna dal 18 maggio». Lo assicura i sindaco del capoluogo Virginio Brivio che torna sulla decisione, che ha fatto non poco discutere, di inibire l’accesso ai precorsi montani lecchesi. «L’ordinanza criticata, che peraltro riapre l’80% degli spazi precedentemente chiusi in città, è stata da me adottata con il parere favorevole di tutti i membri dell’unità di crisi locale (tra i quali sono presenti Questura, Ats, Vigili del fuoco) e della Prefettura. Ciò che conta per davvero comunque è costruire le condizioni per una riapertura in sicurezza dei nostri numerosi sentieri e di tutti i nostri percorsi escursionistici. E quando parlo di sicurezza non penso solo al Covid-19, ma anche alle conseguenze che l’emergenza sanitaria nel suo complesso ha generato».

Inutile rischiare. «Occorre riaprire il 18 maggio alle nostre tanto amate escursioni con la consapevolezza che i servizi di recupero e sanitari sono ancora impegnati su di un fronte più complesso, che inevitabilmente condiziona la loro capacità di intervento; occorre riaprire, ma non prima di aver, anche per questo motivo, riservato un’attenzione particolare alle condizioni in cui i tracciati versano, dopo due mesi di abbandono; occorre riaprire, ma occorre anche avere ben chiaro cosa questa riapertura significherà», aggiunge Brivio.