Ennesima tragedia

Si tuffa nell’Adda a Canonica e non riemerge più: annegato un 20enne di Arcene

L'episodio si è verificato oggi (giovedì 2 luglio) intorno alle 15.30. Vani i tentativi dei medici di rianimare il ragazzo

Si tuffa nell’Adda a Canonica e non riemerge più: annegato un 20enne di Arcene
Ponte San Pietro e Isola, 02 Luglio 2020 ore 18:20

Tragedia nel pomeriggio odierno (giovedì 2 luglio) nelle acque del fiume Adda, dove un ragazzo di 21 anni, originario di Arcene, è morto annegato.

9 foto Sfoglia la gallery

Come riporta Prima La Martesana, l’episodio si è verificato intorno alle 15.30. Stando a quanto ricostruito dai carabinieri, intervenuti sul posto insieme alla polizia locale, il giovane si sarebbe tuffato nell’Adda dalla sponda bergamasca insieme a due amici. Quindi ha attraversato il fiume nel punto dove il fondale è più basso, da Vaprio verso Canonica. Durante la traversata di ritorno qualcosa è andato storto; forse la forte corrente, forse l’imperizia, fatto sta che è stato risucchiato verso il fondo. A nulla è servito il tentativo degli amici di farlo riemergere.

Immediata la chiamata ai soccorsi: sul luogo dell’incidente sono intervenuti diversi mezzi dei vigili del fuoco, assistiti dai sommozzatori. Insieme a loro è atterrato l’elisoccorso e sono arrivate sul posto un’ambulanza e l’automedica nel tentativo di prestare soccorso al giovane.

I sommozzatori hanno ripescato il corpo del 21enne più a valle, nella zona di Vaprio d’Adda all’altezza di un isolotto vicino alla diga. Stando a quanto raccontato dagli operatori, la salma è stato rinvenuto a cinque metri di profondità. I medici dell’elisoccorso e dell’ambulanza intervenuti hanno tentato di rianimarlo più volte. Tentativi che però purtroppo si sono rivelati inutili.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia