Cronaca
un primo bilancio

Sicurezza in stazione: in tre mesi nove arresti della Polizia locale di Bergamo

L'ultima persona a essere arrestata è un giovane di 23 anni, fermato in piazzale Marconi con 46 grammi di hashish e oltre 500 euro in contanti

Sicurezza in stazione: in tre mesi nove arresti della Polizia locale di Bergamo
Cronaca Bergamo, 13 Aprile 2022 ore 15:25

Un giovane spacciatore, di 23 anni, è stato arrestato pochi giorni fa dalla polizia locale in piazzale Marconi, perché in possesso di 46 grammi di hashish e di oltre 500 euro in contanti. Si tratta del nono arresto eseguito in poco più di tre mesi dagli agenti di via Coghetti nell’area attorno alla stazione di Bergamo, diretta conseguenza dell’aumento di controlli effettuati nella zona.

Del resto, i dati riguardanti il primo trimestre dell’anno consegnano un dato chiaro sul lavoro svolto dalla polizia locale di Bergamo in stazione: ben 7 dei nove arresti eseguiti dagli agenti (spesso in servizio in borghese) e 13 denunce a piede libero riguardano proprio piazzale Marconi, confermando il trend di interventi avviato alla fine del 2021 con il dispiegamento delle Unità mobili di quartiere affiancate agli agenti del nucleo integrato di sicurezza urbana.

Nel 2021 la polizia locale ha effettuato 26 arresti, contro i 28 registrati nel 2019. Quest’anno, per il momento, sono già scattate le manette per nove persone, una media mensile superiore al 2018, anno record per il comando di via Coghetti con 44 arresti. Inoltre, nei solo mesi di gennaio e febbraio, le ore di presidio dell’area della stazione e di piazzale Alpini sono state circa 3 mila, una cifra mai vista in qualunque zona della città negli ultimi anni.

«Arresti, denunce, sanzioni anti-alcol, Daspo urbani – commenta il vicesindaco Sergio Gandi -. Non sono solo statistiche, è lavoro; sono risultati, sono persone dedite ad attività illecite assicurate alla giustizia o sanzionate. Sappiamo quanto ci sia ancora da lavorare e quali siano i problemi delle aree delle stazioni in tutto il nostro Paese, ma non intendiamo lasciare nulla di intentato».

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter