La felicità è un gol a un minuto dalla fine

La felicità è un gol a un minuto dalla fine
26 Aprile 2017 ore 08:00

Cronaca Secondo tempo

1′ – Altra azione in contropiede dell’Atalanta, Gomez serve al centro ma non trova Hateboer.

5′ – Sfortunata autorete di Spinazzola su calcio piazzato battuto da Dybala.

6′ – Occasione d’oro per la Juve: Dybala chiama all’intervento Berisha con un tiro da posizione favorevole.

7′ – Juve scatenata: Higuain tira da dentro l’area, ma Berisha è pronto.

10′ – Gomez spara un destro dalla distanza, Buffon alza la palla in corner.

12′ – L’arbitro prima assegna un calcio di rigore alla Juve per fallo di mano di Toloi, poi ferma il gioco per una posizione di fuorigioco di Mandzukic.

15′ – Cristante ci prova con il sinistro dal limite, tiro deviato in corner.

20′ – L’Atalanta sostituisce Kurtic con Kessie

21′ – Destro a giro di Khedira da fuori area, Berisha in tuffo si rifugia in corner.

23′ – Corner di Pjanic, colpo di testa di Khedira deviato in angolo dal portiere nerazzurro.

33′ – Calcio di punizione di Pjanic, la palla a pochi centimetri dal palo.

37′ – Gol della Juve: Pjanic pennella e Dani Alves in tuffo insacca da dentro l’area piccola.

44′ – Clamoroso pareggio dell’Atalanta: Freuler in area vince un contrasto, Buffon lo mura ma il centrocampista nerazzurro deposita in rete dopo un rimpallo con Barzagli. E lo stadio esplode di felicità.

 

Cronaca Primo tempo

4′ – Prima occasione per l’Atalanta: Gomez si invola sulla sinistra e crossa al centro, Hateboer in spaccata non ci arriva per un soffio.

25′ – Primo tiro della Juve. Mezza girata di Higuain parata senza problemi da Berisha.

28′ – Grande palla gol per i nerazzurri. Freuler solo davanti a Buffon ma il portiere riesce a deviare.

31′ – Cuadrado riesce a sfuggire a Spinazzola e serve al centro per Higuain. Il tiro del centravanti finisce a lato.

36′ – Grande palla di Chiellini, inserimento perfetto di Quadrado che colpisce al volo, ma non inquadra il bersaglio.

40′ – Ripartenza velocissima dell’Atalanta dopo un errore di Chiellini: cross di Spinazzola, Hateboer manca l’impatto con il pallone.

43′ – Una palla di Conti dal fondo semina il panico nell’area bianconera. Gomez manca il colpo del ko.

45′ – Gol di Conti che raccoglie in acrobazia sul secondo palo un passaggio millimetrico di Gomez. In precedenza un tiro di Kurtic era stato murato da Chiellini.

 

Formazioni ufficiali

ATALANTA (3-4-1-2): Berisha; Toloi, Caldara, Masiello; Conti, Cristante, Freuler, Spinazzola; Kurtic; Hateboer, Gomez. All. Gasperini
JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; Dani Alves, Bonucci, Chiellini, Alex Sandro; Khedira, Pjanic; Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain.  All. Allegri

Pre partita
di Fabio Gennari

Mancano ormai poche ore all’appuntamento con la Vecchia Signora. In un Comunale zeppo come mai è accaduto in questa stagione e con la speranza che la pioggia non dia fastidio, l’Atalanta affronta la Juventus (fischio d’inizio ore 20.45) e il popolo nerazzurro sogna la grande impresa. Il tecnico Gasperini, per l’occasione, starebbe progettando una mini-rivoluzione e con una sola variazione il volto della Dea cambierebbe radicalmente: Hateboer (o Grassi) per Petagna e Gomez falso centravanti è molto più che un’idea.

 

 

Perché il mister potrebbe giocare senza Petagna. I rumors hanno iniziato a circolare nel pomeriggio di giovedì 27 aprile, dopo la rifinitura. Sky ha rilanciato la possibilità di un inserimento dell’olandese Hateboer nella formazione titolare al posto dell’ariete triestino Petagna, con Gomez schierato al centro dell’attacco. Una soluzione simile è stata già proposta a partita in corso sabato scorso con il Bologna (è entrato Grassi per il numero 29 nerazzurro, con il Papu spostato in mezzo) e sicuramente ha una sua logica, soprattutto contro i Campioni d’Italia. La posizione degli esterni è da valutare (Conti a destra o a sinistra? Spinazzola? Kurtic?) ma con una scelta di questo tipo Gasperini (che probabilmente sperava non filtrasse nulla per sorprendere un po’ Allegri) cercherebbe di portar fuori i due centrali Bonucci e Chiellini dalla loro posizione, creando superiorità sia sulle fasce che a centrocampo. Certo, in questo modo Gomez rischia di essere un po’ chiuso, ma la variante con Petagna può essere sempre proposta a gara in corso e comunque, contro la Juve, qualcosa bisogna provare inventarsi per rompere il loro dominio.

 

 

Cristante per Kessiè, l’ivoriano non sta bene. Tralasciando le suggestioni di chi vede strane motivazioni contrattuali dietro alla sua esclusione, la probabile panchina di Kessiè è legata esclusivamente alle condizioni fisiche del giovane ivoriano. Il ragazzo non sta così male da dover stare a riposo ma quando corre il dolore alla caviglia (botta al perone subita settimana scorsa) si fa sentire con troppa insistenza. Magari a ridosso della gara le cose migliorano e il mister prende tutti in contropiede, ma la scelta di Cristante (e non Grassi) per la sostituzione svela come il tecnico ha intenzione di giocarsela. Nel cuore del campo, contro gente come Khedira e Marchisio, il tecnico preferisce la tecnica del ragazzo cresciuto nel vivaio del Milan piuttosto che la foga del giovanotto bresciano. Se sarà una scelta giusta oppure no lo scopriremo solo a fine gara ma la sensazione è che Gasperini comunque stia provando a fare qualcosa per colpire la Juventus in quelle zone di campo dove solitamente prende il controllo del match.

 

 

Cancelli aperti alle 18, serata da (quasi) tutto esaurito. Per una partita come questa (146 punti in campo) la cornice di pubblico sarà quella delle giornate migliori. La società ha comunicato che sono 8.666 i biglietti venduti (solo 1.042 nel settore ospiti) con pochissimi tagliandi a disposizione in tribuna ancora in vendita. Tutti gli altri settori dello stadio sono esauriti, gli spettatori già certi sono 19.539 che valgono il record stagionale: il precedente primato era stato ottenuto contro la Roma con 19.154 presenti. La soglia dei ventimila presenti (capienza totale effettiva dello stadio 20.881 posti) non sarà superata perché all’appello mancano quasi mille spettatori nel settore ospiti, ma a parte pochissimi tagliandi in Tribuna Centrale i cui prezzi sono veramente alti va sottolineato come il vecchio impianto cittadino sarà veramente una bolgia. I cancelli saranno aperti alle 18 proprio per favorire un accesso più comodo, il consiglio è quello di muoversi per tempo visto che si gioca di venerdì e il traffico dei lavoratori bergamaschi non aiuterà di certo.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia