La lettera

Sostegno per celebrare la Festa del Sacrificio musulmana? Lo sconcerto del leghista Belotti

Il parlamentare della Lega ha scritto al vescovo Francesco Beschi, esprimendo il proprio disappunto per l'invito di don Patrizio Rota Scalabrini, direttore dell'Ufficio del dialogo interreligioso, ai parroci «ad offrire sostegno ai fratelli e alle sorelle musulmani nel trovare le modalità migliori per poter celebrare la Festa»

Sostegno per celebrare la Festa del Sacrificio musulmana? Lo sconcerto del leghista Belotti
Bergamo, 03 Agosto 2020 ore 11:44

L’epidemia ha costretto un po’ tutti a bloccare o sospendere temporaneamente le proprie attività o iniziative. Anche il mondo religioso, nel rispetto delle norme di sicurezza, ha dovuto posticipare o trovare modi alternativi per poter celebrare i propri riti. Certamente non è mancata la solidarietà tra le confessioni, tanto che nei giorni scorsi don Patrizio Rota Scalabrini, direttore dell’Ufficio del dialogo interreligioso della Diocesi, ha esortato i parroci «ad offrire sostegno ai fratelli e alle sorelle musulmani nel trovare le modalità migliori per poter celebrare la Festa del Sacrificio».

Una richiesta che ha «sconcertato» il parlamentare bergamasco della Lega Daniele Belotti che, per questa ragione, ha deciso di scrivere una lettera al vescovo Francesco Beschi nella quale esprime tutto il suo disappunto.

Caro Vescovo Francesco,

come Lei ben sa la mia è una famiglia profondamente cattolica, soprattutto da parte paterna, anche se il sottoscritto non può certo considerarsi un praticante, ma nonostante questo penso di poter difendere l’identità cristiana e i valori di rispetto e parità che sono alla base della nostra società civile.

Fatta la premessa, mi ha sconcertato la lettera inviata nei giorni scorsi da don Patrizio Rota Scalabrini, direttore dell’Ufficio del dialogo interreligioso della sua Diocesi, in cui ha esortato tutti i parroci «ad offrire sostegno ai fratelli e alle sorelle musulmani nel trovare le modalità migliori per poter celebrare la Festa del Sacrificio». I motivi del mio sconcerto sono diversi.

La festa del Sacrificio, quella che vede milioni di pecore e montoni sgozzati secondo i brutali dettami della macellazione islamica, è una ricorrenza che, nel mondo occidentale, più che “sostenuta” dovrebbe essere “contenuta” visti i numerosissimi episodi di sgozzamenti fai da te per strada o nei cortili delle case. La nostra civiltà negli anni ha visto riconoscere sempre di più la sensibilità verso gli animali e il nostro sistema legislativo ha introdotto una serie di reati contro il loro maltrattamento. La festa islamica del Sacrificio (o dello sgozzamento) è un salto indietro nel tempo che non possiamo accettare e sconcerta che vi contribuiscano preti e parroci.

Alcune parrocchie, come ad esempio quella cittadina di San Francesco, hanno messo a disposizione spazi degli oratori per celebrare questa festa e in passato anche la fine del Ramadan. Il tutto secondo le disposizioni islamiche, per cui è previsto uno spazio distinto per le donne e uno per gli uomini. In tempi di pari opportunità, faticosamente conquistate, come può la Chiesa assecondare chi, invece, continua a discriminare le donne, considerandole un essere inferiore? Fa specie che il Comune di Bergamo e certe forze politiche che hanno fortemente voluto che gli spazi pubblici non possano essere concessi a coloro che «non garantiscano di rispettare i valori sanciti dalla Costituzione, professando e/o praticando comportamenti fascisti, razzisti, omofobi, transfobici e sessisti» (compresi movimenti politici che legittimamente si presentano alle elezioni) non dicano niente rispetto agli spazi (pubblici e/o religiosi) assegnati a chi discrimina le donne.

Ci aspettiamo quindi che prima di concedere, ad associazioni o realtà religiose non cristiane, oratori o sale parrocchiali (che ricordiamo sono giuridicamente beni privati, ma di fatto patrimonio della comunità locale), ci sia il rispetto dei valori fondamentali della nostra civiltà, tra cui le pari opportunità. Tradotto, vuoi uno spazio in parrocchia? Allora niente sale separate tra uomini e donne, altrimenti la tua preghiera la fai da un’altra parte.

Mi permetto di ricordarle che a Bergamo le organizzazioni islamiche hanno avuto diverse pericolose derive integraliste; vogliamo ricordare gli arresti per terrorismo a Spirano e Zingonia? Oppure i sermoni che alcuni anni fa fecero alla Celadina e in via Cenisio, su invito delle stesse realtà a cui oggi la Diocesi offre gli spazi nei nostri oratori, due tra i più pericolosi reclutatori di jihadisti al mondo, Bilal Bosnic e Musa Cerantonio?

Da cristiano non praticante, mi permetta un auspicio: vedere lo stesso impegno che la Sua Diocesi mostra verso gli islamici, anche per difendere i simboli della cristianità (dalla chiesa degli ex Ospedali Riuniti alla basilica di Santa Sofia a Istanbul) e i milioni di cristiani che vengono perseguitati e assassinati dagli stessi islamici in nome della lotta ai cani infedeli, ovvero noi.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia