Dallo specchio rotto al pancione

Superstizioni che non ci sono più Tipo il gatto nero porta sfortuna

Superstizioni che non ci sono più Tipo il gatto nero porta sfortuna
Cronaca 06 Febbraio 2016 ore 10:12

Le superstizioni sono dure a morire, esattamente come i pregiudizi. Un po’ ci si siamo affezionati, alle superstizioni, perché ci ricordano casa, le tradizioni familiari e culturali. Eppure alcune di queste stanno lentamente scomparendo. Sappiamo che ci sono, o meglio che c’erano, però non ci crediamo più. Tutto merito della scienza, probabilmente.

 

1) Storie di specchi e di padelle

specchiorotto-e1370119546525

Uno specchio o un vetro rotto porterà sette anni di sfortune incalcolabili. Oggi badiamo di più alla pulizia dei vetri, che alla loro incolumità. E poi non è affatto vero che specchi e sfortuna siano strettamente imparentati: ne ha fatta esperienza diretta chi scrive che, evidentemente, è ancora viva e vegeta. Girava poi una diceria, secondo cui se si guarda fisso una padella con dell’acqua in cottura, questa non bollirà mai. In un mondo di maghi e streghe, probabilmente.

 

2) Le carote e la vista

5377-alimentazione-e-salute-degli-occhi-consigli-per-mangiare-bene-jpg-preview-default

«Mangia le carote, che aiutano la vista». Chi non ha sentito pronunciare una frase simile dalla propria nonna o madre. La scienza dice che il betacarotene non ha alcun effetto positivo sugli occhi, però questa falsa credenza ha tutta una sua storia interessante. Durante la Seconda Guerra Mondiale, infatti, si diceva che i piloti notturni avevano una vista migliore perché mangiavano carote. C’era il trucco: avevano montato dei radar e nessuno se n’era ancora accorto.

 

3) Le verruche dei rospi

20101108115407-945b0537-864x400_c

I rospi trasmettono le verruche, se vengono toccati. Niente di più falso. I bozzi di questi anfibi sono una loro caratteristica fisica e le verruche si trasmettono attraverso un virus, umano al 100 percento.

 

4) Non guardare la tv che se no ti rovini gli occhi

download (1)

E invece no. Gli schermi non hanno degli effetti dannosi sulla vista, almeno non così dannosi da comportare la perdita di qualche diottria.

 

5) Maschio o femmina?

Pregnant belly with pink ribbon.

Se la pancia della futura mamma è rotondeggiante, nascerà una femmina, se è a punta, sarà un maschietto. Mmm no. Non funziona così.

 

6) Non schioccare le nocche

scrocchio dita-k7ID-U10402098011838FXB-700x394@LaStampa.it

Farlo non procura l’artrite, però a lungo andare potrebbe ridurre la capacità di presa e la flessibilità. Meglio evitare, quindi, in ogni caso.

 

7) Malattie e capelli bagnati

phon-danni-capelli

Non c’è nessuna correlazione, checché se ne dica. I raffreddori e le febbri, infatti, sono tutti causati dai virus. Al massimo ci toccherà un po’ di cervicale.

 

8) Peli rasati, peli più spessi

 

1291079_hairy-e1385732294248_thumb_big

Le ragazze evitano accuratamente i rasoi, per evitare di ritrovarsi delle spine di cactus sui polpacci. E invece usano tanta premura per nulla: pensate agli uomini. Se il rasoio fosse il fautore del pelo spesso, avrebbero degli aculei di porcospino sulle guance.

 

9) Quando si ha la febbre, si mangia di meno

mangiare_malati

Al contrario, è importante recuperare le energie con una dieta sana e equilibrata, ricca di liquidi. Mai digiunare quando si è febbricitanti! Si indebolirebbe il fisico, proprio quando questo ha bisogno di reagire alla malattia.

 

10) I gatti neri

W1383126260K104420

Finalmente l’avversione per il gatto nero è finita, il loro potenziale malefico sfatato e le loro influenze nefaste sugli automobilisti sono definitivamente smentite. Basti pensare che per gli inglesi sono dei potentissimi portafortuna.

 

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli