la manifestazione

Torna BergamoScienza, per il 2020 un’edizione tutta digitale e in streaming

La XVIII edizione del festival di divulgazione scientifica si svolgerà dal 3 al 18 ottobre

Torna BergamoScienza, per il 2020 un’edizione tutta digitale e in streaming
Bergamo, 03 Luglio 2020 ore 16:28

L’emergenza sanitaria non ferma “BergamoScienza”, che si svolgerà dal 3 al 18 ottobre secondo un’edizione tutta in digitale coinvolgendo importanti ospiti e ben cinque premi Nobel. Il programma della XVIII edizione del festival di divulgazione scientifica è stato presentato oggi (venerdì 3 luglio) dall’Associazione nel corso dell’assemblea dei soci.

Tra i temi toccati dal palinsesto di quest’anno vi sono l’importanza della tutela del clima e degli ecosistemi, ma anche le nuove forme di socialità digitale, l’invecchiamento della società, le sfide ambientali, o la cyber sicurezza.

I premi Nobel che prenderanno parte al festival del 2020 sono: Elizabeth Blackburn, Nobel 2009 per la Medicina; Barry Marshall, Nobel 2005 per la Medicina; Martin Chalfie, Nobel 2008 per la Chimica; Craig Mello, Nobel 2006 per la Medicina; Jack Szostak, Nobel 2009 per la Medicina.

Di particolare interesse, visto il tema di stringente attualità, anche la conferenza tenuta dallo scrittore e divulgatore scientifico statunitense David Quammen, autore del best-seller “Spillover”, che parlerà di virus emergenti e ambiente. Ospite d’eccezione anche l’astronauta Luca Parmitano che, rientrato con successo dalla missione Beyond, racconterà la sua ultima avventura e il futuro dello Spazio e della Terra.

Tra le novità dell’edizione del 2020 vi è anche la presenza dei giovani divulgatori della trasmissione SuperQuark+, con il loro linguaggio scientifico capace di rivolgersi ai ragazzi, e la possibilità di partecipare a esclusivi tour virtuali dal salotto di casa. Tra questi, il tour nella Basilica di Santa Maria Maggiore con il critico d’arte Mauro Zanchi, alla scoperta della ruota che sostiene le volte (si dice che sia stata realizzata su un disegno di Leonardo Da Vinci) e delle 33 tarsie del coro realizzate agli inizi del Cinquecento da Giovan Francesco Capoferri, su disegno di Lorenzo Lotto.

Infine, l’Associazione BergamoScienza con il suo gruppo Giovani, ha pensato ad un pre-Festival, in programma da giugno a settembre in streaming sui canali social della manifestazione. Tutte le ulteriori informazioni saranno disponibili sul sito www.bergamoscienza.it

 

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia