Nipote del maresciallo Ciaco

Tragico incidente nel Vicentino Val Gandino piange il piccolo Davide

Tragico incidente nel Vicentino Val Gandino piange il piccolo Davide
14 Dicembre 2019 ore 04:30

«Sarà per sempre il nostro piccolo angelo». C’è un immenso dolore anche in Val Gandino per la morte del piccolo Davide Torresan, 2 anni, morto giovedì 12 dicembre a Vicenza a seguito delle ferite riportate nell’incidente stradale che sabato 7 dicembre ha coinvolto l’auto su cui viaggiavano anche papà Michele, 46 anni, e mamma Loredana Ciaco, 47 anni. Quest’ultima è la sorella del maresciallo Francesco Ciaco, che dal 2017 guida la caserma carabinieri di Gandino.

La famiglia Torresan viaggiava su un’utilitaria Suzuki Matiz diretta verso casa, quando lungo un tratto di superstrada è stata centrata frontalmente da un Fiat Doblò, che potrebbe aver invaso la corsia opposta in una semicurva. Michele Torresan che era alla guida dell’auto e la moglie Loredana, che viaggiava a fianco di Davide sul sedile posteriore, hanno riportato fratture multiple e sono tuttora ricoverati in ospedale. Il piccolo, regolarmente alloggiato nel seggiolino, ha probabilmente subito un violentissimo colpo di frusta a causa del tremendo impatto. Le sue condizioni, in un primo tempo stabilizzate dai soccorritori dopo un arresto cardiocircolatorio, sono apparse da subito disperate e a nulla è valso il prodigarsi dei medici del reparto di terapia intensiva pediatrica dell’Ospedale di Vicenza.

La notizia del tragico incidente si è diffusa sin da domenica in Val Gandino, dove il maresciallo Ciaco insieme alla moglie Fiorenza (attiva nel volontariato locale) e i figli è molto conosciuto e apprezzato. In tanti, a cominciare dai sindaci, hanno fatto pervenire alla famiglia attestazioni di profondo cordoglio e la comunità parrocchiale di Gandino ha dedicato a Davide e familiari la propria preghiera. Il piccolo angelo continuerà a vivere nel ricordo di tutti.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia