Per sorridere un po'

Per un Natale davvero atalantino basta ricordare i nomi del passato

Per un Natale davvero atalantino basta ricordare i nomi del passato
26 Dicembre 2019 ore 05:00

Un destino, anche una ironica condanna: quando arriva dicembre, chi il Natale – o qualcosa di connesso – ce l’ha nel nome, viene sempre tirato in mezzo. Un po’ per scherzo, un po’ perché viene facile, un po’ perché in fondo l’Atalanta è forse il club più natalizio del lotto potendo annoverare nella sua storia una serie di nomi e cognomi adatti alle festività e capaci, messi insieme, di sommare ben oltre un migliaio di presenze con la maglia della Dea.

9 foto Sfoglia la gallery

Quanti sono i Natali in nerazzurro? 112, dal 1907 a oggi, più uno, che Natali (Cesare) lo faceva di cognome e nacque calcisticamente proprio qui. Ma Natale è anche un nome di battesimo, invero raro, in nerazzurro: l’ultimo fu Gonnella, il primo, e andiamo indietro di oltre sessant’anni, Natale Borsani, lombardo che all’Atalanta giocò una stagione nel 1956-’57. Per i cattolici, Natale rappresenta la nascita del Salvatore, e qualche Salvatore c’è stato anche da queste parti: Garritano il più singolare, Perrucci l’alfiere con oltre un centinaio di presenze fra il 1938 e il 1944, Molina l’ultimo, frutto del settore giovanile e meteora in prima squadra. E, visto che c’è sempre una mamma, non si può non citare Madonna (Armando e Nicola).

Il rito sostanzialmente Pagano (Biagio Pagano) dei regali Donati (Massimo), in nerazzurro ci permette di esagerare: Doni, Donadoni (Roberto, ma anche Mario) e, per chi è stato cattivo, persino Carbone (Angelo, fra il 1996 e il 1999) nel Sacco (Giovanni, atalantino fra il 1969 e il 1973). Il momento migliore per scambiarseli, i regali? Ovviamente Mezzanotte (Angelo, e andiamo indietro quasi di cent’anni). Poi, il 25, tutti a Tavola (Roberto) ad assaggiare le pietanze preparate nei Calderoni (Alex) delle nostre tradizioni, e che il Cherubin (Nicolò) custode vi protegga dai peccati di Gola (Giuseppe), e v’assista in una Gentile (Carmine) digestione delLamanna (Hugo Lamanna, qualcuno lo ricorda?). Ma guai a chi resta Magrin (Marino, sempre sia lodato), perché un Natale in Champions va festeggiato come si deve.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia