Cronaca
La confessione

Un sacchetto in testa e soffocata: gli agghiaccianti dettagli dell'omicidio di Laura Ziliani

Mirto Milani, fidanzato bergamasco della primogenita della vittima, ha raccontato come hanno ucciso la donna

Un sacchetto in testa e soffocata: gli agghiaccianti dettagli dell'omicidio di Laura Ziliani
Cronaca 28 Maggio 2022 ore 12:51

Emergono nuovi e inquietanti dettagli sull'omicidio di Laura Ziliani, ex vigilessa di Temù (in provincia di Brescia) ritrovata morta l'8 agosto 2021 dopo essere svanita nel nulla tre mesi prima. Due giorni fa è arrivata la confessione di Mirto Milani: il 28enne bergamasco, di Roncola San Bernardo, fidanzato della primogenita della vittima e in carcere dal 24 settembre scorso, ha raccontato il delitto nel corso di un lungo interrogatorio.

«Le abbiamo dato i farmaci. Poi le abbiamo messo un sacchetto in testa e lo abbiamo chiuso. Laura non moriva e io e Silvia le abbiamo stretto le mani al collo», sono gli agghiaccianti dettagli raccontati dal bergamasco, riportati da diversi quotidiani nazionali.

Laura Ziliani

Una descrizione che coinciderebbe con quanto ricostruito dalla Procura di Brescia: Ziliani, 55enne e vedova, secondo le prime ipotesi sarebbe stata soffocata con un cuscino prima di essere seppellita tra la vegetazione.

Il movente sarebbe di natura economica. L'obiettivo delle due figlie Paola e Silvia Zaniche proprio ieri ha confessato l'omicidio della madre, a ventiquattr'ore di distanza dal fidanzato – era quello di incassare i soldi della madre appropriandosi del suo patrimonio immobiliare.

Dei tre soggetti in carcere, Paola aveva già confessato lo scorso 24 maggio. Durante l'interrogatorio i tre hanno inoltre ammesso un altro tentativo di omicidio risalente al 16 aprile, quando somministrarono a Ziliani una tisana che la addormentò per oltre quarantotto ore.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter