Cronaca
Com’è andato il fine settimana del vivaio

Under 15, stagione finita male Sconfitta indolore per l’Under 17

Under 15, stagione finita male Sconfitta indolore per l’Under 17
Cronaca 16 Aprile 2019 ore 09:05
Foto in copertina: Biral dell'Under 15 in azione contro il Chievo. Foto Atalanta.it

 

Il weekend appena terminato si è colorato più di tinte nere che azzurre per le giovani promesse atalantine, nonostante qualche buon risultato ottenuto sul campo. Per alcune formazioni dell’attività agonistica sono arrivati i primi verdetti ufficiali della stagione, partendo dall’U17, che ha conquistato matematicamente la qualificazione diretta alle fasi finali, arrivando all’Under15, che clamorosamente non parteciperà alle fasi a eliminazione diretta, nemmeno ai playoff.

 

[Lorenzi, allenatore della Berretti. Foto Atalanta.it]

 

Ad aprire il programma è stata la Berretti, l’unica compagine che ha giocato sabato. Gli uomini di Lorenzi si sono imposti di misura 1-0 sul campo del Piacenza grazie alla rete del gioiellino della Primavera Cortinovis. Il fantasista classe 2001, dopo diversi tentativi e aver colpito una traversa, è riuscito a regalare i tre punti ai suoi compagni. Anche il precedente palo di Ghislandi testimonia la netta superiorità degli ospiti, ma il parziale così risicato è merito dei padroni di casa, che schierandosi con 5-4-1 difensivo hanno limitato i danni. Il castello costruito dal tecnico dei piacentini ha retto fino a dieci minuti dalla fine, quando i nerazzurri hanno sbloccato il risultato. La capolista conclude così il campionato con un bottino di 23 successi, 2 pareggi e una sola sconfitta. Un ruolino di marcia che la lancia tra le favorite per la vittoria dello scudetto Under18. Sconfitta facilmente digeribile, invece, per il gruppo classe 2002 allenato da Bosi. Domenica l’Under 17 impegnata in trasferta crolla sotto i colpi del Chievo Verona, ma può esultare per il pareggio del Milan che consegna ai bergamaschi la seconda posizione valevole per un posto nelle fasi finali evitando i playoff. Gli orobici, autori di una prestazione sottotono contro una formazione non irresistibile, incassano il vantaggio gialloblù nel primo tempo. Nella ripresa ci pensa Ruggeri a rimettere il punteggio in parità, prima del raddoppio su rigore di Panada. Il gol del centrocampista atalantino non giova agli ospiti però, che subiscono la reazione rabbiosa dei veronesi e sono costretti a raccogliere la sfera in rete altre due volte. Risultato finale 3-2 in favore del Chievo ma Dea che può comunque festeggiare con una giornata di anticipo la qualificazione alle Final Eight.

Fa festa anche l’Under 16 aggiudicandosi il delicatissimo scontro diretto con il Chievo Verona. La truppa di Zanchi guadagna tre punti d’oro e punta dritta al secondo posto. Succede tutto nella prima frazione al Centro Bortolotti: il tandem d’attacco Rosa-De Nipoti parte subito alla grande e in dodici minuti mette a segno due gol che indirizzano la gara. Gli ospiti accorciano le distanze poco dopo, però si fanno trovare impreparati sull’iniziativa personale di De Nipoti, che libera a centro area Dervishi per il momentaneo 3-1. La rete atalantina mette in ginocchio i veronesi, che si riportano a un gol di distanza allo scadere, senza riuscire nel secondo tempo a pareggiare. Importantissimo successo nerazzurro, che permette ai classe 2003 di continuare a credere nel secondo posto. I rossoneri infatti sono in vantaggio di due lunghezze con una partita disputata in più e qualora l’Atalanta dovesse ottenere due successi nelle ultime uscite contro Padova e Venezia sarebbe certa di disputare le Final Eight. Ora il traguardo è vicinissimo.

 

[Di Cintio, allenatore del'Under 15. Foto Atalanta.it]

 

Mette in ombra gli altri risultati il verdetto arrivato domenica mattina a Zingonia. Giornata e stagione letteralmente da dimenticare per l’Under 15, che non va oltre lo 0-0 casalingo con i pari età del Chievo Verona. Nonostante il netto dominio e le numerose azioni da gol create, la compagine dei 2004 è costretta a rallentare ancora la propria corsa, questa volta definitivamente. Le giovani promesse orobiche, con il pareggio sfortunato di domenica, devono infatti dire addio alle fasi finali, fallendo l’obiettivo stagionale. Decisivi sono stati gli alti e bassi vissuti nel corso del campionato che hanno portato i ragazzi di Di Cintio a dover inseguire le prime della classe nelle ultime giornate. Perentorio il 3-0 inflitto dall’U14 bergamasca al Milan: uno splendido successo ai danni dei rossoneri firmato dai gol di Comi, Vavassori e Cenetti.