Ci sarà persino il rally

ValeRossi sarà pure un videogioco Sentirsi il Dottore alla Playstation

ValeRossi sarà pure un videogioco Sentirsi il Dottore alla Playstation
15 Dicembre 2015 ore 12:49

Una carriera in un videogame. Anzi, “Valentino Rossi: The Game”. Il gioco. Perché la vita è un brivido che ti porta via, figurati sulle due ruote e quando si parla del Vale nazionale. Così, presentato qualche settimana fa e annunciato per giugno, il videogioco sarà un excursus della carriera del campione di Tavullia, ripercorrerà tutta la meraviglia sportiva del numero 46, successi, glorie, gioie e dolori, i luoghi simbolo della sua storia (tipo il Ranch) e tutto quello che di bello (e qualche volta brutto) è accaduto nella carriera del Dottore. Un’ottima idea? Certo che sì. Non ci voleva la tragicità del duello Marquez-Rossi per sapere che Vale è superamato e superseguito. Lo dicono i numeri, i fan sui social si fanno sentire.

 

 

I videogiochi coi nomi dei campioni. Ma quella del videogioco è una trovata che va oltre, arriva fino all’eternità virtuale. In un articolo apparso su Wired, la rivista di scienza e tecnologia, è stato sottolineato il lato positivo dell’iniziativa messa in piedi dalla Milestone. Negli anni Novanta l’utilizzo del nome di un campione come titolo di un videogioco era una cosa normale. Sono usciti videogame intitolati a Senna, a Michael Jordan, a Michael Owen, a Tommy Makkinen. Ad allenatori di calcio, a golfisti e tennisti. Se ne sfruttava la popolarità a tutto tondo, compreso il nome. E poi?

La modalità “carriera”. Pratica finita. Nessun titolo su Messi o Cristiano Ronaldo, per dire. Ma dietro al gioco su Vale Rossi, in realtà, c’è molto di più: c’è addirittura il gioco ufficiale della MotoGp per il 2016. E allora? Alla modalità classica, con roster e circuiti delle tre classi del motomondiale, ci sarà una speciale modalità «carriera» incentrata proprio su Valentino Rossi.

 

valentino-rossi-the-game

 

Ci sarà anche il rally. La trovata è ovviamente commerciale. Vale vende, vende ovunque. Soprattutto nei mercati dove la MotoGp è meno seguita che in altri posti, come negli Usa o in Oriente. È che il titolo potrebbe fare la differenza. Oltretutto il gioco è sviluppato da Milestone, casa italiana di primissimo piano nel campo dei videogame. Dentro il gioco ci sono anche il rally (un’altra pratica che sta a cuore a Valentino), oltre al Ranch e altre cose «che mi stanno molto a cuore» ha commentato lo stesso campione. Già, Valentino ha partecipato al collaudo del gioco. Dagli inizi in 125 (quella che oggi si chiama Moto3) fino ai giorni nostri (polemiche con Marquez escluse, ovvio). Il gioco Valentino Rossi: The Game uscirà il prossimo giugno per tutte le piattaforme (PlayStation 4, Xbox One e PC).

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia