Presenze misteriose

Scorge il fantasma della nonna ma è solo un occupante abusivo

Scorge il fantasma della nonna ma è solo un occupante abusivo
Cronaca 19 Ottobre 2017 ore 12:54

Immaginiamoci un'atmosfera perfetta per Halloween, che del resto è qui dietro l'angolo. Una notte autunnale, con quella leggera foschia ottobrina, avvolge un uomo che si aggira per il centro di Romano di Lombardia. Memore dell'infanzia passata tra i caseggiati di via Fabio Filzi, dove abitava la nonna scomparsa da poco, ha deciso di passare davanti a quella casa ormai vuota e disabitata, tra le cui mura sono conservati ricordi felici dei momenti passati insieme alla sua cara defunta. Ma arrivato alla porta, qualcosa non torna. All'interno sente dei rumori. Sbirciando dalla finestra scorge una luce fioca e nel chiaro-scuro nota muoversi una figura sinistra. Strane presenze? Il terrore lo assale. Decide di chiamare la Polizia locale. E racconta: «Aiuto... una figura sinistra e non definita si aggira nell'appartamento vuoto di mia nonna», racconta. Gli agenti si precipitano sul posto. Non pensano sia necessario chiamare i Ghostbusters. E infatti dentro non ci sono ectoplasmi, ma un essere umano in carne ed ossa: nella fattispecie, un occupante abusivo che, saputo della scomparsa dell'anziana donna che abitava nella casa, aveva pensato bene di forzare la porta e il contatore dell'energia elettrica. Trasformando così i locali della defunta nel suo riparo. Gratuito, senza chiedere a nessuno.

Nove interventi in pochi mesi. È solo l’ultimo, questo accaduto una decina di giorni fa, di una  lunga serie di episodi analoghi a Romano. Una vicenda dai toni tragicomici, che se fa sorridere, dall’altro rivela un trend decisamente preoccupante. L'abusivo, marocchino, fermato dagli agenti, è stato denunciato per occupazione d'immobile e furto di energia elettrica. Ma probabilmente non sarà l’ultimo, purtroppo. Il reato dell'occupazione non autorizzata di casa è un fenomeno in aumento anche a Romano. Da inizio anno sono tante le operazioni compiute dalla Polizia locale per liberare gli appartamenti di via Filzi, Cavour, Indipendenza, Marenzi, Pagliarini,  Schivardi e Duca d’Aosta. Le dinamiche, come spiega il comandante della Polizia Locale, Arcangelo di Nardo, sono sempre le stesse. «Le case prese di mira sono spesso state pignorate e di proprietà delle banche – ha detto il comandante – gli abusivi forzano le porte d'entrata le occupano e per avere energia elettrica, manomettono i contatori, usufruendo illegalmente dell'energia». Vi sono anche altri casi, in cui, il proprietario legittimo, il più della volte extracomunitario e impossibilitato a pagare il mutuo acceso per comprare l'immobile abbandona la casa, ma prima di lasciare il paese, consegna le chiavi a connazionali che così continuano ad occuparlo ma di fatto senza pagarne l'affitto.