Cultura
Fino al 26 aprile

Alla Design Week di Milano un assaggio de I Maestri del Paesaggio di Bergamo

Il Landscape Festival arriva anche nel capoluogo lombardo: due installazioni anticipano quanto vedremo in Piazza Vecchia e a Brescia a settembre

Alla Design Week di Milano un assaggio de I Maestri del Paesaggio di Bergamo
Cultura Bergamo, 18 Aprile 2023 ore 17:50

Il Landscape Festival - I Maestri del Paesaggio arriva anche a Milano, in occasione della Design Week. La manifestazione, che dal 2011 si svolge a Bergamo, fa parte della mostra-evento Interni Design Re-Evolution che verrà ospitata fino al 26 aprile nel Cortile d'Onore dell'Università Statale di Milano.

Tra le diverse installazioni, come riporta L'Eco di Bergamo, due artisti spiccano per il loro legame con Bergamo: l'architetto paesaggista Martin Rein-Cano (parte dello studio Topotek 1 di Berlino) e la paesaggista Silvia Ghirelli. Saranno proprio loro che porteranno in Piazza Vecchia e in Piazza Boni (a Brescia) le opere - di cui il Fuorisalone è solo un "assaggio" - del prossimo Landscape Festival, che si terrà dal 7 al 24 settembre grazie all'impegno tra associazione Arketipos e Comune di Bergamo.

outside-1
Foto 1 di 4
inside-1
Foto 2 di 4
inside-2
Foto 3 di 4
SLV_IOSA_GHINI_FELIS_820X1200_002
Foto 4 di 4

La prima installazione, a cura di Martin Rein-Cano, si intitola Grow together, Grow green / 10k: si tratta di una struttura modulare di una trentina di metri quadrati e sei metri in altezza, realizzata con impalcature leggere e riutilizzabili su cui verranno posate quasi seimila piccole alberature, fornite dal Vivaio Forestale Regionale di Curno.

Il concept dietro all'opera si rifà a un recente studio, che ha dimostrato come nelle città dove la copertura arborea si estende fino al 30 per cento la temperatura estiva possa diminuire di mezzo grado. Le piantine, alla fine della settimana, troveranno temporaneamente casa nel Parco Nord Milano per poi essere piantumate in autunno.

La seconda installazione prende il nome di L'Oasi Micro-architettura, il cui verde è stato curato dalla paesaggista Silvia Ghirelli. L'opera vuole rappresentare un'oasi in cui è possibile sia rifugiarsi che rigenerarsi.

Seguici sui nostri canali