L'iniziativa

Il venerdì in cui Spirano si è svegliata “inondata” di poesie

Una bellissima sorpresa per circa tremila famiglie. Ecco chi sono gli organizzatori

Il venerdì in cui Spirano si è svegliata “inondata” di poesie
05 Settembre 2020 ore 00:06

Un risveglio così, a Spirano, non lo vedeva da tanto tempo. Ieri mattina, venerdì 4 settembre, tutte le circa tremila famiglie del paese si sono infatti trovate appesa alla cassetta della posta una poesia, stampata su un pezzo di carta e affissa con un pezzo di scotch.  Un’«azione poetica» e artistica di una neonata associazione culturale, Spirart, che insieme all’associazione “Mostrami” ha organizzato questa notte un vero e proprio “blitz culturale”, per regalare al paese il piacere di una poesia. Ne parla PrimaTreviglio.

8 foto Sfoglia la gallery

Dai versi di Eugenio Montale a quelli, bellissimi e dimenticati, di Antonia Pozzi. Dal celebre Nazim Hikmet (“Il più bello dei mari è quello che non navigammo”) a Rocco Scotellaro. Sono dieci gli autori selezionati dall’associazione, per dieci testi stampati e distribuiti in modo casuale a tutte le cassette postali, di notte. Tremila foglietti in tutto, che tutte le famiglie si sono trovate a sorpresa davanti casa.

Per un risveglio culturale a Spirano. «Un gesto che è nato dal desiderio di dare un po’ una scossa, a questo paese: crediamo che ne abbia bisogno di un certo risveglio culturale» spiega al Giornale di Treviglio Stefania Carminati, una delle fondatrici di “Mostrami” e  tra  le animatrici della nuova associazione “Spirart”.  «Abbiamo scelto le cassette delle poste per non dare fastidio a nessuno, ed evitare problemi di ogni genere. E in effetti le reazioni sono state ottime”. Cosa ne hanno pensato gli spiranesi?  Stando ai commenti sui vari post comparsi sui social in queste ore, l’iniziativa è decisamente piaciuta, online come offline. «Questa mattina, in incognito, abbiamo fatto un giro in paese per sondare un po’ le reazioni dei concittadini e… beh, siamo contenti – ha aggiunto Carminati –  Erano tutti interessati e incuriositi. Insomma: iniziativa riuscita».

Domenica al bar Mafalda c’è “Domenicult”. Domenica, 6 settembre, peraltro, si terrà in paese la prima vera “uscita pubblica” di Spirart. Al bar Mafalda, dalle 15 alle 21, si tiene infatti “Domenicult”, una rassegna di eventi organizzati con “Mostrami”. Oltre a una mostra di giovani artisti locali, infatti, dalle 15 alle 17 si terrà una lettura animata e un laboratorio di cucina per bambini tra i 6 e gli 11 anni, con la maestra Paola Raffaini (prenotazione richiesta al 338 2257823). Dalle 19 alle 21 invece si terrà un concerto live, della cantautrice argentina Cande Marzinotto.

Articolo completo sul Giornale di Treviglio in edicola da venerdì prossimo, 11 settembre.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia