Il presidente ha 27 anni

Nasce a Bergamo "I Figli di Horus", associazione di giovani italo-egiziani per l'integrazione

Alla guida c'è Amgad Abdalla, studente di Scienze Politiche alla Statale di Milano. Inizierà promuovendo corsi di lingua, cultura e storia italiana per gli immigrati, per poi arrivare a corsi di cultura egiziana. E poi incontri, riunioni, conferenze ed attività teatrali

Nasce a Bergamo "I Figli di Horus", associazione di giovani italo-egiziani per l'integrazione
Cultura 16 Febbraio 2021 ore 15:00

L'associazione "I Figli di Horus", fondata lo scorso ottobre da un gruppo di sette giovani italo-egiziani, tutti tra i 25 e i 45 anni e residenti in provincia, col nuovo anno ha incominciato a programmare il calendario delle sue attività.

L'obiettivo dell'associazione, spiega il suo giovane presidente Amgad Abdalla, studente ventiseienne di Scienze Politiche alla Statale di Milano, è quello di «favorire l'integrazione dei giovani italo-egiziani, che nella nostra provincia sono circa 2000», una minoranza che quindi sta diventando sempre più numerosa nel tessuto del territorio.

Amgad Abdalla

«Per noi è indispensabile l'organizzazione interna democratica proprio per far comprendere a tutti quanto sia importante la cultura e lo spirito democratico», aggiunge Abdalla. Un proposito che è racchiuso nello stesso nome dell'associazione, dato che Horus nell'Antico Egitto era la divinità della bontà, della giustizia e della libertà.

«La nostra associazione vuole essere un luogo dove condividere idee e apprendere la lingua e cultura italiane, senza tralasciare le proprie origini», specifica il presidente. Una fusione tra identità egiziana e italiana, accogliere il nuovo conservando i valori della propria famiglia e comunità, presupposti fondanti la convivenza e lo scambio reciproco sul territorio bergamasco, che ha dato dimostrazione anche in passato di saper accettare le sfide per il futuro proprio nell'iniziativa dei suoi cittadini e degli immigrati che vivono e lavorano insieme a loro.

Il gruppo inizierà promuovendo corsi di lingua, cultura e storia italiana per gli immigrati, per poi arrivare a corsi di cultura egiziana, sia antica che moderna. E poi incontri, riunioni, conferenze ed attività teatrali, con un'apertura alla collaborazione con le realtà del territorio, sempre all'insegna dell'ascolto e dell'integrazione.

La campagna di tesseramento è già iniziata, potete contattare l'associazione all'indirizzo figlidihorus@gmail.com oppure il presidente Abdalla al numero 3921283431.