Il progetto

Officine Tantemani ripartono e rilanciano (nuove produzioni, workshop, street art)

Il ritorno della bella realtà della Cooperativa Sociale Patronato San Vincenzo (con tanto di negozio online). Altri murales in arrivo, tra cui alcuni all’interno del carcere di Bergamo e uno a Casazza che parla di Costituzione

Officine Tantemani ripartono e rilanciano (nuove produzioni, workshop, street art)
Bergamo, 17 Settembre 2020 ore 03:18

Dopo i mesi di chiusura a causa della pandemia, le Officine Tantemani ripartono e rilanciano con nuove produzioni, workshop e progetti di street art sul territorio. L’1 settembre sono tornati i laboratori; è ripartita la produzione di ceramiche e tessuti disegnati e realizzati dai partecipanti ai laboratori; è stato attivato un crowdfunding per finanziare delle borse lavoro per persone con disabilità; c’è un nuovo shop on line dove sono disponibili i prodotti di Tantemani e Pigmenti, con una stagione di workshop pronta da scoprire. Non solo: «Torniamo finalmente nella Casa Circondariale di Bergamo a dipingere alcuni muri con i detenuti – racconta Davide Pansera -; siamo a Casazza a realizzare un muro sulla Costituzione con gli adolescenti e proseguiamo il progetto europeo Capacityes che ci porterà alla realizzazione di oltre 10 murales e una serie di opere temporanee d’arte pubblica».

I laboratori, innanzitutto, dedicati a persone con disabilità psichica e a donne in stato di fragilità o marginalità. Hanno ripreso la produzione artistica, sospesa ormai da qualche mese, tra nuove ceramiche disegnate, e a breve anche create dai partecipanti stessi, stampe su tessuti e su carta e cucito. Poi lo shop online: i prodotti delle Officine, da settembre, sono per la prima volta disponibili anche su tantemani.it/negozio. Nel quale, a fianco dei prodotti Tantemani, ci saranno anche i prodotti realizzati con gli street artist del progetto di arte urbana Pigmenti. Veniamo al crowfunding (produzionidalbasso.com/project/io-lavoro-a-tantemani), partito l’11 settembre, che ha l’obiettivo di finanziare alcune borse lavoro per partecipanti al Laboratorio Tantemani che, in questi anni di frequenza, hanno sviluppato le proprie capacità espressive e ai quali ora si vuole dare un riconoscimento economico per il lavoro che svolgono nel laboratorio, primo passo per la costruzione di un progetto di vita dignitoso.

Ad ottobre riparte anche la stagione di workshop creativi aperti al pubblico. Tra questi si segnala il workshop di illustrazione a cura di Sarah Mazzetti in collaborazione con Uau Festival, il workshop di weaving, interessante tecnica di tessitura, i due workshop di ceramica erotica e di lavoro creativo su fotografia in collaborazione con Orlando Festival e una serie di corsi di ceramica per adulti e per bambini a cura di Susanna Alberti. (tantemani.it/workshop).

7 foto Sfoglia la gallery

Street art e Costituzione a Casazza. L’11 settembre si è svolto a Casazza il primo degli incontri tra un gruppo di giovani del paese e l’artista Luogo Comune (luogocom.com). Durante gli incontri i ragazzi si confronteranno con l’artista su alcuni articoli della Costituzione Italiana e, insieme, produrranno un murales che racconterà il loro punto di vista su uno o più degli articoli discussi. L’obiettivo è quello di abituare a riflettere su ciò che vogliamo comunicare, sul come lo facciamo e sulla presa di responsabilità che comporta esporre il proprio pensiero di fronte agli altri. La concretezza del muro e la sua presenza durevole rendono più chiaro e forte un meccanismo che è, in realtà, molto simile a quello dei social network e del mondo virtuale dove spesso manca invece il senso di responsabilità rispetto a cosa e come si comunica. Il progetto fa parte di “Lascia un segno”, realizzato da diversi comuni della bergamasca tra i quali, appunto, il Comune di Casazza, e ideato dalla Residenza Teatrale Qui e Ora.

Dentro il carcere di Bergamo. Il 14 settembre riprende anche la collaborazione tra i progetti Tantemani e Pigmenti e la Casa Circondariale di Bergamo. Il progetto ha visto una prima parte di realizzazione tra gennaio e marzo 2020 con  laboratori di auto-narrazione e serigrafia proposti ai detenuti della struttura. Il lavoro, interrotto, verrà ripreso a breve e porterà ad una mostra che verrà proposta sia all’interno sia all’esterno della struttura detentiva. A settembre 2020 parte invece il secondo step del progetto che prevede il coinvolgimento dello street artist Nemo’s il quale attraverso una serie di incontri con i detenuti, metterà con loro a fuoco un soggetto da realizzare, con il loro aiuto, su uno o più muri interni della Casa Circondariale. Un’opera d’arte che sarà realizzata dai detenuti e fruita dai detenuti; un’occasione di incontro e di riflessione.

Il progetto europeo Capacityes. I laboratori svolti a luglio 2020 con i bambini e i ragazzi dei Centri Ricreativi Estivi della città hanno presentato ai partecipanti 10 episodi cardine dell’Odissea che sono stati rielaborati in un confronto dapprima verbale e poi grafico attraverso disegni fatti dai bambini. Questo materiale è stato consegnato a uno street artist che, nella primavera 2021, realizzerà 10 muri, uno per episodio, proprio a partire dalle suggestioni dei bambini, andando a creare intorno al quartiere Borgo Palazzo e limitrofi, un percorso narrativo a cielo aperto.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia