Menu
Cerca
L’opportunità

Corso da mille ore per diventare tecnico caseario (gratis per disoccupati under 30)

Progetto organizzato da Azienda Bergamasca Formazione (Abf ) Bergamo, nato per valorizzare il turismo e la gastronomia del territorio

Corso da mille ore per diventare tecnico caseario (gratis per disoccupati under 30)
Economia Bergamo, 06 Febbraio 2021 ore 12:30

Ormai Bergamo è sempre più legata a doppio filo alla sua tradizione casearia: il progetto Forme, il World Cheese Awards, il titolo di Città creativa per la gastronomia Unesco, la nomina a “Città del formaggio 2021” da parte di Onaf, l’Organizzazione nazionale degli assaggiatori di formaggio, e ora anche un corso da mille ore per diventare tecnico per la valorizzazione dei prodotti nella filiera lattiero-casearia, in partenza in questi giorni.

Prende quindi forma il progetto organizzato da Azienda Bergamasca Formazione (Abf ) Bergamo, nato per valorizzare il turismo e la gastronomia del territorio. Si va a formare figure professionali altamente specializzate, pronte a valorizzare il formaggio sotto diversi aspetti all’interno di aziende, attività commerciali ed enti di promozione.

Il corso è del tutto gratuito e partirà il 22 febbraio. Delle mille ore complessive, 550 saranno direttamente in aziende del settore, con lezioni che riguarderanno il benessere animale, chimica e microbiologia, marketing e comunicazione, enogastronomia e packacing ecologico. C’è ancora tempo per partecipare al progetto, rivolto a giovani disoccupati fino a 29 anni. Superate le prove finali verrà rilasciato un certificato di specializzazione tecnica superiore, corrispondente al livello Eqf. Info e iscrizioni qui, o telefonando allo 035.3693727.

Il progetto è finanziato dall’Unione europea e da Regione Lombardia, ha ricevuto naturalmente l’appoggio da parte di Bergamo Città Creativa Unesco per la Gastronomia e di Forme. Vi partecipano anche Onaf, Coldiretti e Confartigianato Bergamo, Comunità montana Valle Seriana e Consorzio per la tutela dello Strachitunt, Istituto alberghiero di San Pellegrino, Rigoni Stern di Bergamo e Zenale Buttinone di Treviglio, oltre all’Università statale di Milano e all’Università Vita-Salute del San Raffaele. Una grande squadra, insomma.

Tra le aziende che ospiteranno studenti la Latteria sociale di Branzi Casearia Soc. Agr. Coop, Casarrigoni, Caseificio Defendi Luigi, Doxal Italia, Treverde, Cascine nelle Terre di Ghiaia, Latteria Valle di Scalve, Agricola Sant’Antonio, Latteria sociale di Valtorta, Agricola Locatelli Guglielmo, A&f Eventi Gastronomici e Contrada Bricconi. Già 7 gli iscritti, scrive L’Eco di Bergamo: c’è anche una ragazza proveniente da fuori provincia e laureata in giurisprudenza.