Commercio

Il Coronavirus sta acuendo le problematiche degli ipermercati, sempre più in crisi

Citerio (Fisascat Cisl): «La crisi dei grossi centri era già in atto. Misure per la ripresa»

Il Coronavirus sta acuendo le problematiche degli ipermercati, sempre più in crisi
Bergamo, 08 Aprile 2020 ore 08:30

«In questo momento l’emergenza sanitaria non è certo finita, e tutta la nostra attività sindacale è concentrata sul garantire lavoro e sicurezza degli operatori, in una delle filiere indispensabili per la collettività, ma se alziamo gli occhi e guardiamo in prospettiva, si può cercare di intravedere quale sarà il commercio del domani. Il trend in atto da qualche tempo nel settore della grande distribuzione è stato accelerato dall’epidemia del coronavirus, e non è detto che l’auspicata conclusione della quarantena generale debba per forza rimettere a posto tutte le carte: la “forma iper”, nel commercio, ha perso la sua “spinta propulsiva”. Il gigantismo del commercio ha toccato il suo apice nel decennio precedente e ora cerca nuove ricette per uscire da una crisi di questo format che negli ultimi anni ha comportato una perdita del 30% dei posti lavoro». Così, Alberto Citerio, segretario generale Fisascat Cisl Bergamo, legge i dati “in emergenza” del commercio di città e provincia nell’ultimo mese, come riportato in un comunicato stampa diffuso dalla Cisl provinciale.

Tutti nel punto più vicino. Complici le disposizioni che invitano a recarsi nel punto vendita più vicino, le grandi superfici di vendita all’interno dei centri commerciali della provincia hanno registrato cali di fatturato che vanno dal 30 al 70%, cali della clientela che toccano punte dell’80%; nei vari ipermercati, il personale denuncia casi di malattia per il 35-40% del totale; la percentuale media di calo di scontrini si aggira sul 50%, mentre c’è un incremento dello scontrino medio, a testimonianza che vi si reca solo per spese più consistenti, e non più per la spesa giornaliera. E intanto, volano i discount: in alcune catene, il fatturato di marzo è salito del 100% rispetto allo stesso mese del 2019, e le catene sono disperatamente alla ricerca di personale, mentre i “concorrenti nobili” iniziano a far ricorso agli ammortizzatori sociali. «Quella che era una tendenza già in atto (crisi di iper e ripresa del negozio) il virus lo sta accentuando. Le gallerie commerciali vengono percepite come luoghi non sicuri e non accoglienti, e comunque lontani e fuori dalle cerchie concesse dai comuni».

Dieci anni di calo. Già prima della crisi sanitaria, a Bergamo, in 10 anni, è stato registrato un calo del 30% degli occupati del settore; la produttività è scesa del 22%; la superficie complessiva di vendita non cresce più; oltre la metà dei consumatori preferisce fare la spesa sotto casa, e i negozi indipendenti specializzati hanno l’indice di soddisfazione più alto (47%). «Dopo la “sbornia inauguratrice” dei primi 2000, negli ultimi cinque anni le nuove aperture in provincia di Bergamo sono stati una decina di nuovi Discount e altrettanti supermercati di medie dimensioni. Niente più iper…». In questo orizzonte, i discount hanno registrato la migliore crescita media annua delle vendite: più 9,6%, mentre la rete di punti vendita della Gdo nel suo complesso è stata ridotta dello 0,6%.  Nel 2018 (ultimo bilancio disponibile), i discount occupano una fetta di mercato del 18,5%. In 10 anni sono cresciuti del 5%, e nelle zone in cui è stato aperto un nuovo discount, gli ipermercati hanno registrato una flessione negativa del 3%. Anche a Bergamo, nei bilanci delle grandi catene, si legge che a fine 2017, la grande distribuzione ha avuto un incremento dei fatturati dello 0,6%, i “supermercati tradizionali” del 24,2, i discount del 44,3%.

E il no food? «Intanto, il settore su cui ancora non si riesce a fare considerazioni “scientifiche”, è il no food: tutti i negozi sono chiusi, e molta parte del mercato si è spostata sul commercio on line… Cosa succederà con la ripresa?»,  si chiede Citerio, «Gli ipermercati nei centri commerciali in provincia occupano circa 6000 dipendenti – conclude il sindacalista -: in tante situazioni sono già stati attivati ammortizzatori sociali, con qualcun altro se ne sta discutendo, mentre le catene discount chiedono aiuto per reclutare personale…».

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia