Economia
I numeri analizzati

Turismo a Bergamo nel 2022: bene città, valli e laghi, con anche risultati migliori rispetto al 2019

Provincia e VisitBergamo hanno fatto un bilancio di questi ultimi tre anni, in preparazione al 2023 come Capitale della Cultura

Turismo a Bergamo nel 2022: bene città, valli e laghi, con anche risultati migliori rispetto al 2019
Economia Bergamo, 08 Agosto 2022 ore 15:00

Sono dati decisamente positivi quelli del turismo bergamasco nei primi sei mesi del 2022: secondo i numeri di Provincia e VisitBergamo, le strutture ricettive hanno registrato un +149,3 per cento degli arrivi e +133,5 per cento delle presenze rispetto allo stesso periodo del 2021. Numeri in costante crescita, molto vicini a quelli che si registravano prima della pandemia.

Nello specifico, nei primi sei mesi del 2022 oltre 505 mila persone (-12 per cento rispetto al 2019) hanno visitato i nostri territori realizzando oltre un milione di presenze (-0,7 per cento rispetto sempre a due anni fa). Un bilancio più che soddisfacente, in preparazione a Bergamo Capitale della Cultura nel 2023.

Crescita degli arrivi e delle presenze

Il 2022 registra una continua crescita sia di arrivi che di presenze: a giugno si sono infatti registrati circa 117 mila arrivi, più del doppio rispetto a quelli registrati a gennaio '22 (50.900). Il dato di giugno evidenzia inoltre un sostanziale pareggio rispetto allo stesso mese di tre anni fa (pre-Covid) in termini di arrivi, ma una decisa crescita in termini di presenze (+21 per cento). Questo dato conferma la tendenza dei turisti a fermarsi di più nel nostro territorio. I primi sei mesi, infatti, danno segnali positivi anche sulla durata media di soggiorno che si attesta a 2,1 giorni, più alta dell’1,9 del 2019. L’impatto del Covid sembra essere alle spalle: a inizio anno sono arrivati 225 mila turisti dall’estero, circa 187 mila in più di quelli registrati nello stesso periodo dell’anno scorso. Meno forte invece la crescita dei turisti italiani (280 mila contro i 165 mila del 2021) e ancora lontana dai 320 mila del 2019.

turismo arrivi e presenze
Foto 1 di 6
turismo camere prenotate
Foto 2 di 6
turismo post bergamo
Foto 3 di 6
turimo arrivi per zona
Foto 4 di 6
turismo presenze per zona
Foto 5 di 6
turismo temi post
Foto 6 di 6

Buona ripresa per città, valli e laghi. In difficoltà pianura e Isola

Rispetto all’analisi per zone è possibile individuare varie tendenze: una grande ripresa dei flussi in città (163.500 arrivi, quattro volte quelli dello scorso anno); ottimi flussi turistici nelle valli (nonostante la scarsità di neve) e nei laghi, che rafforzano i segnali positivi dello scorso anno, mentre permangono alcune difficoltà nella pianura e nell’Isola che non hanno ancora recuperato i livelli pre-pandemici.

Prenotazioni delle camere: superato il periodo pre-Covid

Confrontando invece, attraverso la piattaforma H Benchmark, le prenotazioni delle camere disponibili fino alla fine dell’anno - dati al 25 luglio - si evidenzia come i numeri del 2022 siano indubbiamente superiori a quelli del 2021 (+15,9 per cento), superando anche il periodo pre-pandemico (+9,9 per cento). A fine luglio, il 28 per cento delle camere disponibili fino a fine anno risulta già prenotato (era il 12,1 per cento nel 2021, il 6,3 per cento nel 2020 e il 18,1 per cento nel 2019). Il fenomeno si registra anche guardando solo l’area della Grande Bergamo: in questo territorio, a fine luglio, il 22,7 per cento delle camere disponibili fino a fine dicembre risulta già prenotato (era il 9,1 per cento nel 2021, il 3,6 per cento nel 2020 e il 15,3 per cento nel 2019). Il 2022 ha infatti superato le prestazioni del 2019 del +7,4 per cento.

Bergamo nel web: riscontro positivo per patrimonio culturale e cucina

La pandemia inoltre, nel bene e nel male, ha messo al centro delle discussioni il territorio bergamasco. In-Twig ha analizzato quasi 15 milioni di post, pubblicati da gennaio 2020 a giugno 2022, con contenuti che parlano del territorio bergamasco: hanno avuto un evidente picco nel momento più drammatico della crisi sanitaria, durante il primo lockdown; poi i primi sei mesi del 2021 le discussioni avevano un’accezione positiva nell’80,7 per cento dei casi e negli ultimi 6 mesi, invece, la positività delle argomentazioni sul web è salita di all’85 per cento. Siti d’interesse ed enogastronomia rimangono i temi principali legati al nostro territorio, rispettivamente 48,1 per cento e 29,5 per cento.

Tutte le tematiche evidenziate, comunque, generano discussioni sul web dai toni indiscutibilmente positivi, soprattutto quando si parla di attività all’aperto, siti d’interesse e musei.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter