L'escursione

Il Rifugio Tagliaferri, la più alta delle capanne orobiche

Tra sentieri storici, stupendi panorami e luoghi incontaminati fino al cuore della Val di Scalve.

Il Rifugio Tagliaferri, la più alta delle capanne orobiche
20 Agosto 2020 ore 11:56

Tra le alte e severe montagne della Val di Scalve, ubicato all’estremità settentrionale della Valle del Vò, sorge la più alta Capanna delle Alpi Orobie: il rifugio Nani Tagliaferri. La struttura, posta in posizione intermedia tra il Rifugio Curò a ovest, Ronco di Schilpario a sud e il Passo del Vivione a est, è lasciata alla tutela della riserva faunistica dei Laghi del Belviso e del Barbellino, siti ricchi di flora autoctona e specie uniche. Se dislivello e km non ci spaventano possiamo intraprendere questa escursione, che tra sentieri storici, stupendi panorami e luoghi incontaminati ci porterà fino al cuore della Val di Scalve.

14 foto Sfoglia la gallery

Sono numerosi i tracciati che permettono di raggiungere il rifugio. Il percorso classico trova la sua partenza da Ronco di Schilpario e ricalca il segnavia Cai 413. Quattro ore di cammino e un dislivello di 1300 metri ci guideranno attraverso le bellezze incontaminate della Valle del Vò. Non sarà difficile scorgere caprioli, cervi e marmotte, che con i loro “fischi” ci accompagneranno per buona parte dell’escursione. Tra scrosci d’acqua e panorami raggiungiamo la struttura, posta 2328 metri di quota e abbracciata dai monti Tornello, Venerocolo e Demignone. Uno dei luoghi più belli e incontaminati delle montagne bergamasche.

Il secondo tracciato si snoda dal Lago di Belviso e ricalca i segnavia 12 e 13, raggiungendo il Tagliaferri con circa 3 ore di cammino e un dislivello positivo di 950 metri. Il sentiero costeggia il grande bacino artificiale fino all’imbocco della Val di Pila, innalzandosi seguendo il torrente fino alla Malga omonima (m.2010) e successivamente attraverso la Valle di Belviso. Con salita costante tocchiamo dapprima il panoramico Passo di Venano e con un’ultimo sforzo il rifugio, ormai visibile.

Il terzo itinerario trova partenza dal rifugio Antonio Curò, lungo il segnavia Cai 321 e variante del Sentiero delle Orobie. Il percorso si snoda lungo la Val Cerviera, la Valle di Bondione e successivamente la Valle del Gleno, portando l’escursionista fino al Passo di Belviso (m.2518). Dal valico una ripida discesa ci condurrà alla Capanna. Questo sentiero è riservato agli escursionisti esperti, prevede 5 ore di cammino e un dislivello positivo di 800 metri.

Il rifugio Nani Tagliaferri è un baluardo prima delle grandi montagne, ultimo avamposto di civiltà racchiuso nella bellezza di una valle unica e suggestiva. La struttura è gestita fin dal 1985 (anno della sua inaugurazione) da Francesco “Cesco” Tagliaferri, 74 anni, fratello del Nani a cui è intitolato il rifugio e con cui ha condiviso il progetto anni or sono.

Larticolo completo, con i percorsi, le bellezze della zona e lintervista al rifugista Cesco Tagliaferri, lo potete leggere sul PrimaBergamo in edicola da venerdì 21 agosto

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia