Jobs Act, 92mila posti di lavoro in più

5 notizie di cui parlare a cena È morto Giovanni Lo Porto

5 notizie di cui parlare a cena È morto Giovanni Lo Porto
21 Aprile 2015 ore 16:00

1 – È morto Giovanni Lo Porto, rapido da Al Qaeda nel 2012

Fu rapito nel 2012 in Pakistan Giovanni Lo Porto, ma solo oggi si è scoperto che lo scorso gennaio il cooperante italiano è morto in Afghanistan, ucciso da un’operazione antiterrorismo statunitense. A renderlo noto è lo stesso Barack Obama, che ha spiegato alla Casa Bianca come l’obbiettivo del drone fosse un compound gestito da Al Qaeda: «Non ci sono parole per esprimere in modo adeguato il nostro dolore per questa terribile tragedia», ha commentato il Premier americano, «Come presidente e comandante in capo mi assumo la responsabilità di tutte le operazioni antiterrorismo, compresa questa. Non sapevamo che all’interno del compound ci fossero anche due ostaggi. Ho parlato con la moglie di Warren (un altro ostaggio morto, ndr) e con il premier Renzi. Come marito e padre posso solo immaginare l’angoscia e il dolore che le famiglie stanno vivendo oggi». (Leggi tutta la notizia qui)

 

2 – Libia, un migrante ucciso a botte per essersi alzato da un gommone

 

Hundreds Of African Migrants Feared Dead Off The Coastline Of Lampedusa

 

Si scoprono nuovi dettagli sui migranti partiti dalla Libia e morti sabato notte nel Mediterraneo, sul barcone che trasportava almeno 700 persone capovoltosi in mare aperto. Qualcuno addirittura è morto di stenti prima di imbarcarsi, qualcun altro per le botte ricevute semplicemente per essersi alzato in piedi su un gommone prima che gli scafisti glielo concedessero. «Gli immigrati in attesa dell’imbarco, complessivamente tra i mille e i milleduecento, furono inizialmente concentrati in una fattoria nei pressi di Tripoli», è la spiegazione degli inquirenti, «Durante la permanenza nella fattoria, che per alcuni si è protratta per oltre un mese, si sarebbero verificate violenze con l’uso di bastoni sulle persone non disposte ad obbedire agli ordini. Le bastonate avrebbero provocato alcuni decessi; altri sarebbero morti di stenti». (Leggi tutta la notizia qui)

 

3 – Jobs Act, 92mila posti di lavoro in più a marzo

 

crisi-lavoro-istat

 

92mila posti di lavoro in più rispetto al mese di marzo di un anno fa. E di questi, 21mila sono contratti di lavoro a tempo indeterminato. Sono gli effetti del Jobs Act, finalmente resi pubblici dal Ministero del Lavoro dopo diverse settimane di numeri non ufficiali. «Sono dati confortanti. Naturalmente sono numeri ancora iniziali e bisogna prenderli con cautela, però sono dati che incoraggiano la fiducia, cosa essenziale». (Leggi tutta la notizia qui)

 

4 – Teddy vive solo 100 minuti, ma è il donatore più giovane d’Inghilterra

100 minuti di vita, sufficienti però per donare i suoi piccoli reni e salvare una vita. È la storia di Teddy, il più giovane donatore d’organi del Regno Unito, un bambino nato con una grave anencefalia e deceduto dopo nemmeno due ore di vita. I suoi genitori sapevano che il neonato era destinato a morire, così avevano già disposto la donazione dei suoi organi: «Nostro figlio ha vissuto ed è morto da eroe. È impossibile spiegare quanto siamo fieri di lui». I suoi reni sono stati portati a Leeds, dove sono stati impiantati ad un paziente adulto. (Leggi tutta la notizia qui)

 

5 – 670mila dollari raccolti in monetine ai metal detector americani

Più di 670mila dollari in monetine, tutte ritrovate negli aeroporti americani nel 2014, ai varchi obbligati dei metal detector. Tanti passeggeri, per effettuare i controlli, si tolgono ogni oggetto metallico dalle tasche, ma capita spesso di dimenticare gli spiccioli. Che, una volta raccolti, sono andati a totalizzare una cifra davvero astronomica. Solo al JFK di New York sono stati raccolti ben 42550 dollari, seguito dai 41500 del hub di Los Angeles e dai 34900 di San Francisco. (Leggi tutta la notizia qui)

Food delivery
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia