Realtà aumentata

Alla Carrara con occhiali hi-tech per nuotare nei quadri «acquatici»

Alla Carrara con occhiali hi-tech per nuotare nei quadri «acquatici»
06 Aprile 2017 ore 11:05

Un tuffo a Venezia, sotto il Ponte di Rialto, ai tempi del Canaletto. O nella «Marina in burrasca» di Peruzzini. Un tuffo nell’arte e nel passato tutto virtuale grazie a nuovi occhiali hi-tech in dotazione da giovedì 6 all’Accademia Carrara. Li si indossa e ci si trova immersi in opere ispirate all’acqua – sedici, per la precisione – accompagnati da informazioni e animazioni tridimensionali. Il percorso bergamasco di realtà aumentata si chiama Viaggi d’Acqua e rappresenta la più ampia esperienza di applicazione di questa tecnologia in una pinacoteca europea: un percorso esclusivo che, per la prima volta, potenzia le possibilità di visione e osservazione delle opere d’arte attraverso applicazioni sinora utilizzate prevalentemente in ambito archeologico.

4 foto Sfoglia la gallery

L’azienda promotrice. Grazie alla tecnologia e alle soluzioni multimediali di ArtGlass, le opere prendono vita, rivelando allo sguardo i particolari più sfuggenti e offrendo inediti punti di vista. ArtGlass, azienda del Gruppo Capitale Cultura, è leader nello sviluppo di esperienze di realtà aumentata per i siti culturali basate su dispositivi indossabili (smart-glass) e ha all’attivo oltre 20 installazioni presso musei e siti archeologici in Italia e Svizzera, tra cui Villa Reale e Autodromo di Monza, il Museo Civico Ala Ponzone di Cremona e il Parco Archeologico di Brescia Romana. Viaggi d’Acqua è promosso e sostenuto da UniAcque nell’ambito de L’Acqua di casa, progetto culturale curato da Maria Cristina Rodeschini e realizzato con la collaborazione delle principali istituzioni culturali bergamasche, in occasione del decennale dell’azienda. L’ideazione e la curatela scientifica del percorso di Realtà Aumentata sono di Emanuela Daffra con Daria Tonzig.

 

 

Le dichiarazioni. «La sperimentazione e la novità non sono nella presenza della tecnologia in museo – dice Emanuela Daffra, curatore scientifico di Viaggi d’Acqua (ed ex direttore della Carrara)  –, ma nell’uso che di essa si fa. Alla realtà aumentata si è chiesto di fare apparentemente un passo indietro, di diventare non fine ma mezzo, strumento suggestivo per affinare capacità di osservazione, per allenare abilità di comprensione e confronto, per trasmettere informazioni con efficace semplicità. Una sorta di agopuntura per occhi, orecchie, mente e cuore del visitatore di fronte ai dipinti, agopuntura che nei visitatori e nei dipinti ha i suoi centri. Se si rivelasse efficace – e ce lo dirà il pubblico nelle prossime settimane – avremo la soddisfazione di avere reso un buon servizio al museo e di avere aperto un nuovo sentiero di conoscenza». «Il progetto realizzato per Accademia Carrara – dichiara Antonio Scuderi, ceo di ARtGlass e Gruppo Capitale Cultura – rappresenta una vera novità nel panorama della realtà aumentata perché mette le potenzialità di questo nuovo linguaggio e della tecnologia al servizio delle opere e della loro comprensione. Il nostro obiettivo è quello di, una volta indossati gli occhiali, far dimenticare ai visitatori la tecnologia per entrare nei dipinti, scoprirne i particolari meno visibili, cogliere collegamenti sorprendenti».

Elenco delle opere. Giorgio Schiavone, San Gerolamo/Sant’Alessio, 1460; Antonio Cicognara, Santa Caterina d’Alessandria, 1500; Antonio Vivarini, Sant’Ambrogio battezza Sant’Agostino, 1440; Francesco di Simone da Santacroce, Annunciazione, 1504; Vittore Carpaccio, Nascita di Maria, 1504; Giovanni Bellini, Cristo in pietà, 1455; Giovanni Mansueti, San Girolamo penitente, 1515-20; Ambrogio da Fossano, detto il Bergognone. Madonna del Latte, 1485; Simone Dondo, Compianto su Cristo Morto, 1535; Lorenzo Lotto. Sacra famiglia con Santa Caterina d’Alessandria, 1533; Altobello da Melone, Ritratto di gentiluomo, 1513; Roelant Savery, Paesaggio con Orfeo che incanta gli animali, Paesaggio fluviale, 1635-36; Antonio Canal, Canaletto, Il Canal Grande da palazzo Balbi, 1730 circa; Francesco Peruzzini, Marina in burrasca, 1710 circa; Ponziano Loverini. Torquato Tasso a Venezia, 1875; Andrea Marenzi, Le cascate del Serio, 1886; Costantino Rosa, Veduta della piazza Grande di Bergamo, 1833.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia