Gran finale

BergamoScienza, ultimo weekend con tredici eventi in programma

BergamoScienza, ultimo weekend con tredici eventi in programma
Eventi 20 Ottobre 2018 ore 09:45

La XVI edizione di BergamoScienza si avvia alla conclusione con un denso carnet di appuntamenti in programma sabato 20 e domenica 21 ottobre. Anche in questo terzo e ultimo fine settimana della maratona scientifica che ha preso il via il 6 ottobre, sono tante le conferenze in calendario con scienziati ed esperti di fama internazionale (e spettacoli con grandi interpreti).

4 foto Sfoglia la gallery

Sabato 20 ottobre. Al Centro Congressi Giovanni XXIII si inizia alle 9.30 con l’incontro Bio o non bio? L’esperto di agricoltura Luigi Mariani dialogherà con Francesco Salamini del comitato scientifico di BergamoScienza, sui segreti e le bugie dell’alimentazione. Alle 11.30 segue la conferenza Bambini geneticamente modificati con due pionieri della medicina rigenerativa Michele De Luca del Centro di Medicina Rigenerativa Ferrari dell’Università di Modena e Reggio Emilia e Luigi Naldini, Direttore del San Raffaele Telethon Institute for Gene Therapy (Tiget) all’Irccs Ospedale San Raffaele. Nel pomeriggio alle 15 si terrà la conferenza in ricordo di Silvio Albini It’s a wonderful life. Conversazione sulla vita in cui Pier Paolo Di Fiore dell’Istituto Europeo di Oncologia (Ieo) e il filosofo delle scienze biologiche Telmo Pievani racconteranno alcuni passi della storia della Vita, non intesa come esistenza individuale ma come processo collettivo. Alle 17 La ricerca scientifica per il futuro dell’Europa è l’incontro con tre giovani scienziati italiani Matteo Iannacone (Irccs Ospedale San Raffaele), Giulia Lanzara (Università Roma Tre) e Davide Crepaldi (Sissa Trieste). Alla Gamec invece alle 15 avrà luogo l’incontro La natura della massa. Storia di un concetto scientifico con l’illustre fisico Giulio Peruzzi. Al Museo Arte Tempo (Mat) alle 17 l’incontro Dentro il quadro propone un viaggio nella complessità dell’arte del “minimo intervento” nel restauro di 16 opere del pittore Pietro Fassi (1885-1965) a cui è anche dedicata una mostra a Clusone.

Domenica 21 ottobre. Tutti gli incontri dell’ultima giornata si svolgono al Centro Congressi Giovanni XXIII. La mattinata si apre alle 9.30 con la conferenza L’algoritmo della vita collettiva, che vedrà protagonisti l’esperta informatica Stefania Bandini del Centro di Ricerca Sistemi Complessi e Intelligenza Artificiale (Università di Milano-Bicocca e Rcast- Università di Tokyo) e il biologo cellulare Giorgio Scita (Università Milano-Bicocca, Ifom Istituto Firc di Oncologia Molecolare). Alle 11.30 nell’incontro Il segreto della vita. I misteri della duplicazione cellulare il biochimico Kim Ashley Nasmyth dell’Università di Oxford spiegherà uno dei problemi della biologia cellulare rimasti a lungo irrisolti, la mitosi. La rivoluzione silenziosa è il titolo dell’incontro che si terrà alle 15 con Maria Chiara Carrozza della Fondazione Don Carlo Gnocchi-Onlus, Salvatore Majorana del Parco Scientifico e Tecnologico Kilometro Rosso e Gianvito Martino del Comitato Scientifico di BergamoScienza, sull’automazione e la sfida della società robotica che ha già rivoluzionato il mondo industriale. La 6th Rita Montalcini Memorial Lecture, che chiuderà il ciclo delle conferenze, è affidata al Premio Nobel per la Medicina 2006 Craig Cameron Mello con la lezione magistrale Zittire i geni. Una storia da Nobel.

Spettacoli. Già sold-out i due spettacoli di sabato 20 ottobre: Le mirabolanti avventure del dottor Burger in programma alle 15 all’Auditorium di Piazza della Libertà, Città Bassa e Racconto Cosmico in scena all’Auditorium del Seminario Vescovile Giovanni XXIII alle ore 21. Ancora qualche posto per il concerto di domenica alle ore 21 con il virtuosissimo Egberto Gismonti che all’Auditorium del Seminario Vescovile Giovanni XXIII, chiuderà la XVI edizione di BergamoScienza. Uno straordinario talento musicale, quello del polistrumentista brasiliano, geniale inventore di mondi musicali: ha l’eccezionale capacità d’interpretare ogni idea e di associarla a qualsiasi strumento, con una fantasia musicale sopra ogni limite, sempre in grado di elaborare stili e infiniti organici: dalla chitarra al pianoforte e all’intera orchestra. Un’unione di folklore brasiliano e danze slave, partendo dal jazz per arrivare alla musica classica, contemporanea e rock.

Info e prenotazioni. Per gli eventi si consiglia la prenotazione, che non è obbligatoria, ma garantisce il posto a sedere. Programma e prenotazioni: www.bergamoscienza.it

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Idee & Consigli