Menu
Cerca
L'escursione consigliata

Da Fuipiano ai Tre Faggi e alla Madonna dei Canti: le foto di un meraviglioso candore

L’alta Valle Imagna ci regala, oltre ai sentieri che solcano le pendici del famoso Resegone, un facile e appagante itinerario ad anello adatto a tutte le stagioni e perfetto per chi desidera riscoprire questo territorio

Da Fuipiano ai Tre Faggi e alla Madonna dei Canti: le foto di un meraviglioso candore
Escursioni Val Brembana e Imagna, 16 Gennaio 2021 ore 12:30

di Angelo Corna

L’alta Valle Imagna ci regala, oltre ai sentieri che solcano le pendici del famoso Resegone, un facile e appagante itinerario ad anello adatto a tutte le stagioni e perfetto per chi desidera riscoprire questo territorio. Ad accompagnarci lungo il cammino i panorami della splendida montagna manzoniana, la bellezza della “Costa del Palio”, posta alla testata della valle, la simbolica Madonna dei Canti e lo spettacolo dei monumentali Tre Faggi. Una meraviglia tutta bergamasca. Scopriamola con un itinerario tra storia, neve e bellezza.

16 foto Sfoglia la gallery

Raggiunto il borgo di Fuipiano parcheggiamo nei pressi del bacino dell’acquedotto, posto in via Milano, a circa 1.050 metri di altitudine. Le abbondanti nevicate di questi ultimi giorni hanno reso il piccolo paese, conosciuto come “tetto della Valle Imagna”, un luogo da favola: strade, alberi e case sono ricoperte da una spessa coltre di neve. Fin da subito è visibile, alle spalle dell’abitato, l’imponente sagoma del monte Resegone. Quest’ultima ci sorveglierà per buona parte della nostra escursione.

A monte dell’abitato si snoda il nostro sentiero, oggi traccia su neve. Con pendenza costante si sale nel bosco, assaporando ampie vedute e scorci sui borghi valdimagnini. Pochi minuti di cammino e raggiungiamo un bivio, possibile punto di partenza e di arrivo del nostro giro ad anello. Possiamo decidere in base al nostro allenamento: famiglie e bambini possono continuare lungo il sentiero e raggiungere, in circa mezz’ora di cammino, i famosi Tre Faggi, monumento naturale simbolo della valle. Se invece desideriamo riscoprire le bellezze di quest’ultima, il nostro itinerario è marchiato dal segnavia Cai 579…

Continua a leggere sul PrimaBergamo in edicola fino al 21 gennaio, o in edizione digitale QUI