Con il trailer

Il film da vedere nel weekend “Il settimo figlio”, un bel fantasy

Il film da vedere nel weekend “Il settimo figlio”, un bel fantasy
21 Febbraio 2015 ore 07:00

Regia: Sergej Vladimirovič Bodrov.
Cast: Jeff Bridges, Ben Barnes, Julianne Moore, Olivia Williams, Djimon Hounsou, Alicia Vikander, Jason Scott Lee, Gerard Plunkett, Antje Traue, Kit Harington.
Dove vederlo a Bergamo e provincia: UCI Cinemas Curno, Cinema Ariston Multisala Treviglio, Il Borgo Multisala Romano di Lombardia, Cinema Cinestar Cortenuova.

 

Maestro Gregory è un vecchio e saggio cacciatore di streghe: fra le sue imprese, la cattura della fattucchiera Malkin costituisce senza dubbio la più grande. Quando la nemica di sempre riesce a liberarsi, egli interviene di nuovo ma lei – forte dei suoi terribili poteri – uccide il suo apprendista. È da qui che comincia il viaggio di Gregory per trovare un nuovo discepolo, finalmente identificato nel giovane Tow Ward. Al fianco del maestro il ragazzo viene istruito all’arduo compito di cacciatore di streghe e immediatamente comincia a fronteggiare le forze del male. Nel lungo percorso che porterà al confronto finale con Malkin c’è spazio anche per i sentimenti, sbocciati fra Tom e una giovane strega, decisa a combattere contro le sue stesse simili. E anche il passato di Maestro Gregory nasconde qualche segreto interessante.

 

01

 

Il fantasy è da sempre un genere di grande successo fra i giovani spettatori, che si lasciano volentieri incantare dalla bellezza delle scenografie e dal design curato delle creature fantastiche che abitano questi mondi incantati. Spesso si tratta di storie non originali, adattate da romanzi più o meno fortunati: è questo il caso de Il settimo figlio, ispirato alla serie di romanzi The spook’s apprentice di Joseph Danley. Il film, comunque abbastanza originale rispetto ai testi di partenza, racconta per tutta la prima parte la formazione del giovane protagonista, che da ragazzo qualunque viene iniziato alle arti magiche e della lotta e solo successivamente si concentra sulla storia d’amore che nasce fra Tom e la giovane strega. Si tratta di un modello che ricorda da vicino la vicenda di Romeo e Giulietta ma che rimane sullo sfondo: l’attenzione del regista è tutta rivolta all’elemento d’azione, alla battaglia, alla grandezza delle situazioni e degli effetti visivi.

Ottima la caratterizzazione dei personaggi, prima fra tutte quella riservata ai due protagonisti: Gregory e Tom sono perfettamente delineati, con l’accortezza di lasciare spazi sufficienti a futuri sequel, che l’investimento finanziario del film lascia facilmente presagire. Tutto sommato il film funziona e, anche se gioca molto su meccanismi già visti, mette in scena tutti gli elementi che piacciono al pubblico per un successo facile e sicuro. Il settimo figlio è un lavoro ben fatto, che non mancherà di stupire dal punto di vista visivo ed emozionare grandi e piccini. Perché il fantasy,in fondo, piace un po’ a tutti, come dimostra il successo di serie quali Il trono di spade.

 

03

 

Chi è Sergej Bodrov, il regista del film? Russo che debutta alla regia alla metà degli anni Ottanta, Bodrov è apprezzato in patria ma relativamente poco conosciuto al di fuori dei confini nazionali: al di là dell’enorme campagna pubblicitaria fatta per Il settimo figlio, pochi conoscono le sue imprese cinematografiche in Italia. Fra i suoi film merita di essere ricordato in particolare Il prigioniero del Caucaso che, a partire dalla guerra caucasica, racconta il rapporto umano fra soldati al fronte, in un delicato affresco presentato al Festival di Cannes del 1996. Notevole è anche il successivo Mongol, dedicato alla vita del grande capo Gengis Khan, conquistatore di un enorme impero e terrore di tutti i popoli a lui sottomessi.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Video più visti
Foto più viste
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia